Categorie: Autotrasporto, HOME PAGE, news,

12 luglio 2017 - La news ha avuto 246 visite
La gestione delle macerie post sisma: incontro con il Direttore del Cosmari Ing. Giuseppe Giampaoli
gestione macerie

Sono oltre 3 milioni le tonnellate di macerie da smaltire, tra pubbliche (ovvero tutti quei materiali derivanti dal crollo parziale o totale degli edifici pubblici e privati causati dagli eventi sismici, nonché quelli derivanti dalle attività di demolizione e abbattimento di quelli percolanti) e private, stimate da Confartigianato Imprese Macerata. Macerie, di cui l’80% classificate come “private”, che si dovranno gestire nei prossimi 6/8 anni.

Ad oggi le macerie rimosse sono circa 71 mila tonnellate, in tre diversi territori provinciali: la provincia di Ascoli Piceno con 563.663 tonnellate su 15 Comuni, la provincia di Macerata con 482.438,75 tonnellate di macerie su 33 Comuni e la provincia di Fermo con 41.151 tonnellate su 5 Comuni.

Circa 1200 le tonnellate rimosse ogni giorno e che, a regime, arriveranno oltre le 2500. A tal proposito la Regione Marche, per mezzo del Decreto  Soggetto Attuatore SISMA 2016 n°376 e  n°377, ha individuato tra i siti di raccolta, oltre all’area UNIMER ad Arquata del Tronto e al capannone industriale a Monteprandone gestito da PICENOAMBIENTE, anche il COSMARI SRL nell’area località Piane di Chienti a Tolentino e nell’ex cava a San Ginesio.

Quindi per ciò che riguarda la nostra provincia il Cosmari srl si occuperà di tutte le operazioni di raccolta e trasporto delle macerie e del materiale derivante dal crollo degli edifici e dalle attività di demolizione nelle aree dei comuni ricadenti nel cratere del territorio maceratese. Fungerà inoltre da deposito temporaneo per la gestione delle macerie, con il compito di curare il caricamento delle stesse in sito, il trasporto, la selezione, la separazione ed il conferimento delle macerie “ripulite” agli impianti di trattamento sia per il successivo riutilizzo, anche a fini industriali, sia per l’impiego nella ricostruzione stessa.

Tale attività dovrà tener conto del ruolo delle piccole imprese organizzate ed abilitate a svolgere molte fasi della filiera del recupero (compreso il trasporto, il trattamento, la bonifica dell’amianto). Le operazioni sono particolarmente delicate e complesse: una volta proceduto con le eventuali demolizioni degli edifici pericolanti e la messa in sicurezza delle strade e delle possibili frane, i gestori devono infatti raggiungere e caricare le macerie dai vari siti, resi accessibili dalle ordinanze dei sindaci.

Resta comunque fondamentale pensare fin d’ora ad un diverso modello per la gestione delle macerie “private”, anche individuando siti di raccolta in prossimità dei luoghi colpiti dal sisma e in cui le imprese locali possano avere un ruolo più incisivo nella velocizzazione dell’operazione.

Questi gli argomenti che Confartigianato Imprese Macerata tratterà nel corso dell’incontro con il Direttore del Cosmari Ing. Giuseppe Giampaoli, dedicato a tutte le imprese associate che vogliano partecipare, che si terrà lunedì 17 luglio 2017 alle ore 17.00 presso l’Auditorium della sede provinciale (via Pesaro, 21 Macerata).

E’ gradita gentile conferma inviando la scheda allegata (area download via fax 0733-366223 o email info@macerata.confartigianato.it.

 

Info
0733/366301

 

Shares