Categorie: HOME PAGE, news,

21 giugno 2017 - La news ha avuto 1.437 visite
Sisma – Nuove agevolazioni tariffarie sulle bollette per le popolazioni terremotate
sisma bollette

Tra le disposizioni urgenti per le popolazioni colpite dal sisma, volte a disciplinare gli interventi per la ricostruzione, l’assistenza alla popolazione e la ripresa economica nei territori delle regioni colpite, l’Autorità per l’energia con la delibera 252-2017, in attuazione dell’art. 48, comma 2, del D.L. 189/16, ha definito nuove importanti agevolazioni, prevedendo un ulteriore sospensione dei termini di pagamento delle fatture per la fornitura di energia elettrica, gas e acqua.

Tale Delibera prevede che per un periodo di 36 mesi, a partire dalla data del sisma, 24 agosto, 26 ottobre e 18 gennaio, non si applichino le componenti tariffarie a copertura dei costi di rete, degli oneri generali e delle ulteriori componenti nonché le prestazioni e i contributi agli esercenti la distribuzione e/o vendita per nuove concessioni, disattivazioni, riattivazioni, e/o volture di utenze.

Inoltre è previsto che la sospensione di 6 mesi per tutti i beneficiari, in quanto sospensione automatica, sia aumentata di ulteriori 6 mesi in caso di immobile inagibile (solo su richiesta del soggetto danneggiato, che produca idonea documentazione attestante l’inagibilità dell’immobile ed il nesso di causalità con gli eventi sismici). Il periodo di sospensione dei termini di pagamento decorre a partire dalla data del sisma di riferimento (24 agosto, 26 ottobre, 18 gennaio).

La fatturazione, con emissione di un’unica fattura, deve essere ripresa entro:

  • il termine ultimo del 31.12.2017, per i clienti finali colpiti dai sismi di agosto e ottobre 2016 con casa agibile;
  • sei mesi dopo la fine del periodo di sospensione dei pagamenti, per tutti i clienti colpiti dal sisma di gennaio 2017 e per quelli colpiti precedentemente con casa inagibile.

E’ stato introdotto un periodo minimo di rateizzazione in 24 mesi (senza interessi applicati) per il servizio elettrico e gas che gli esercenti l’attività di vendita devono concedere se l’importo da rateizzare risulta superiore a € 50,00, sulla base di rate non inferiori ad € 20,00 e i cui termini di pagamento siano stati sospesi. E’ facoltà del cliente corrispondere gli importi dovuti nei normali termini, o in base ad un piano di rateizzazione di durata inferiore concordato con il proprio fornitore.

In allegato il testo della delibera 252-2017.

 

Info
Alberto Giaconi
0733/366651
a.giaconi@macerata.confartigianato.it

Shares