Categorie: Fiscale, news,

30 novembre 2016 - La news ha avuto 280 visite
Speciale Legge di Bilancio 2017: approvato il ddl alla Camera. Numerose le misure di interesse delle imprese
legge bilancio 2017

Approvato il ddl di bilancio in prima lettura dall’Aula della Camera senza modifiche rispetto al testo approvato dalla Commissione Bilancio. Da sottolineare che alcune modifiche sono state introdotte alla Camera grazie all’azione di Confartigianato.

Tra le modifiche apportate:

  • Iper ammortamento (maggiorazione del 150%) su beni ad alto contenuto tecnologico al fine di favorire i processi di trasformazione tecnologica e/ digitale in chiave “Industria 4.0”: sono stati inseriti altri beni strumentali ammessi all’agevolazione (macchine utensili, impianti per la realizzazione di prodotti mediante la trasformazione dei materiali e delle materie prime, motrici e operatrici per la movimentazione dei pezzi.
  • aliquota IVA al 5% per i servizi di trasporto urbano di persone effettuati per via marittima, lacuale, fluviale e lagunare precedentemente esenti da imposta;
  • ridotta l’accisa della birra da 3.04 a 3.02 per ettolitro;
  • tra gli investimenti che danno titolo a beneficiare dei finanziamenti per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti ed attrezzature da parte delle PMI (Nuova Sabatini) sono inseriti i sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti;
  • Rifinanziato 1 milione di euro per il 2017 per il potenziamento delle azioni di promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane nell’ambito del Piano straordinario per la promozione del made in Italy;
  • Esonero dal contributo per i licenziamenti in caso di cambi di appalto, seguiti da assunzioni presso altri datori di lavoro ovvero in caso di fine cantiere. La misura è resa strutturale (era prevista per il triennio 2013-2016);
  • ampliato il campo di applicazione della cd. opzione donna. La possibilità di andare in pensione a 57 anni di età, 58 per le autonome, e con 35 anni di anzianità (maturati entro il 31 dicembre 2015, calcolo contributivo) viene estesa anche per le lavoratrici dipendenti nate nell’ultimo trimestre del 1958 e alle lavoratrici autonome nate nell’ultimo trimestre del 1957;
  • introdotti alcuni interventi a carico del Fondo sociale occupazione e formazione:
    • proroga dei benefici contributivi per incentivare le assunzioni con contratto di apprendistato per la qualifica, il diploma ed il certificato di specializzazione tecnica superiore fino al 31 dicembre 2017 (invece del 31 dicembre 2016) (risorse previste 2,6 mln. per il 2017; 5.6 mln. per il 2018 e 3 mln. per il 2019)
    • 27 mln. per il 2017 per i percorsi formativi rivolti al contratto di apprendistato e per i percorsi formativi rivolti all’alternanza scuola lavoro;
    • Vengono ripartite le risorse di 100 mln. di euro stanziate a decorrere dall’anno 2016 per l’attuazione di alternanza scuola-lavoro tra le istituzioni scolastiche del sistema nazionale di istruzione
  • Estensione anche alle lavoratrici autonome del diritto al congedo nella misura massima di 3 mesi per le donne vittime di violenza di genere;
  • Le misure di efficientamento della spesa per acquisti della PA non devono discriminare o escludere le micro e piccole imprese;
  • destinazione dei proventi dei titoli abilitativi edilizi e delle sanzioni esclusivamente e senza vincoli temporali a opere di manutenzione ordinaria e straordinaria delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria, interventi di riuso e rigenerazione, realizzazione di aree verdi, interventi a tutela della riqualificazione del paesaggio;

Sono state, invece, respinte in Commissione (e saranno affrontati al Senato) alcune questioni poste da Confartigianato:

  • estensione APE sociale (in diverse versioni: per i solo imprenditori artigiani; per gli artigiani cessati da almeno 12 mesi con 30 anni di contributi di cui almeno 5 nella Gestione Artigiani; ai lavoratori autonomi dell’APE sociale che hanno cessato definitivamente l’attività ed hanno un’anzianità contributiva di almeno 30 anni);
  • proroga dello sgravio contributivo totale per l’assunzione di apprendisti nelle imprese fino a 9 dipendenti per i primi 3 anni di contratto.
  • in materia di IRAP (innalzamento franchigia a 15.000 euro e definizione autonoma organizzazione);
  • rafforzamento patrimoniale dei confidi,
  • sgravi contributivi per assunzioni a tempo indeterminato nel Mezzogiorno,estensione
  • estensione ecobonus ad altre fattispecie (erano stati approvati numerosi emendamenti da parte delle Commissioni di merito non confermate dalla Commissione Bilancio): cessione ecobonus riqualificazione energetica a banche e intermediari finanziari; detrazioni per la “sistemazione a verde” delle aree private; detrazioni al 50% anche per i lavori di manutenzione ordinaria; detrazioni per gli edifici considerati patrimonio artistico o storico.

Il provvedimento verrà ora trasmesso al Senato che ne avvierà l’esame a partire da martedì 6 dicembre. I termini per gli emendamenti nelle Commissioni competenti per materia dovrebbero essere fissati per la giornata del 7 dicembre mentre quelli in Commissione Bilancio dovrebbero essere fissati per la tarda serata di giovedì 8 dicembre.

Shares