Categorie: HOME PAGE, news,

13 ottobre 2016 - La news ha avuto 311 visite
Decreto Sisma, stanziamento per le Marche di 200 milioni di euro
decreto sisma

Sono 15 i comuni maceratesi inseriti nel cratere dal decreto legge approvato l’ 11 ottobre dal Consiglio dei Ministri che, in 53 articoli, fissa i capisaldi di tutti gli interventi necessari alla ricostruzione e al sostegno alla ripresa economica delle zone colpite dal terremoto in Centro Italia del 24 agosto. Si tratta di Acquacanina, Bolognola, Castelsantangelo sul Nera, Cessapalombo, Fiastra, Fiordimonte, Gualdo, Penna San Giovanni, Pievebovigliana, Pieve Torina, San Ginesio, Sant’Angelo in Pontano, Sarnano, Ussita, Visso.

Ma comunque si assicura che tutti i danneggiati certificati con schede Aedes anche fuori dall’elenco saranno risarciti. La provincia di Macerata è quella con più comuni inseriti nel cratere. Durante la visita il premier ha parlato di un primo stanziamento per le Marche di 200 milioni di euro.

La struttura articolata e dettagliata del provvedimento ne fa una sorta di vademecum, con l’obiettivo di essere, per quanto possibile, esaustivo. Molteplici le misure di sostegno previste: risarcimento integrale per le case e gli edifici colpiti, prestito d’onore per il riavvio delle attività produttive, cassa integrazione in deroga per i lavoratori di imprese coinvolte nel sisma, rinvio di imposte e tasse per quanti (singoli e imprese) documenteranno che l’impossibilità del pagamento è strettamente connessa al terremoto. Legalità e trasparenza: per assicurare il massimo della regolarità in tutte le fasi, il provvedimento – oltre alla supervisione dell’Anac – prevede una centrale unica di committenza, un albo delle imprese e uno dei professionisti, oltre a garantire dati costantemente aggiornati. Infine, la governance, la cui cifra è il raccordo tra Governo centrale e territori interessati dal sisma: il Commissario straordinario viene infatti affiancato dai presidenti di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria come vice commissari e da quattro uffici speciali per la ricostruzione (uno per ogni regione).

 

Shares