Categorie: HOME PAGE, news,

5 ottobre 2016 - La news ha avuto 359 visite
Ricostruzione post-sisma e progetto Casa Italia: approvato in Senato ordine del giorno di impegno per un piano nazionale di prevenzione antisismica
sisma

L’Aula del Senato ha approvato un ordine del giorno sottoscritto da diversi gruppi politici che sintetizza gli impegni contenuti in alcune mozioni sul progetto “Casa Italia”, progetto di prevenzione e messa in sicurezza del territorio lanciato dal Governo a fine agosto per la ricostruzione dei territori colpiti dal sisma del 24 agosto scorso.

L’ordine del giorno G3, sintetizza le mozioni presentate dai Gruppi PD, AP e AL-A e impegna il Governo a definire in tempi rapidi i contenuti e le misure da inserire nel Progetto “Casa Italia” a partire da un piano nazionale di prevenzione antisismica fondato su tre fasi: monitoraggio e diagnostica, adozione del fascicolo di fabbricato e adozione della certificazione sismica obbligatoria. Il Governo dovrà inoltre pianificare al più presto il fabbisogno pluriennale di risorse pubbliche e private, per dare seguito e continuità nel tempo alle proposte inserite nel progetto “Casa Italia”.

L’odg impegna inoltre il Governo, per quanto di interesse, a:

  • operare la ricostruzione garantendo, tra l’altro, il rispetto dei principi di legalità, attraverso la creazione di meccanismi di selezione e controllo delle imprese incaricate dei lavori per una ricostruzione “mafia free” ed equità, ovvero corresponsione del dovuto ai cittadini, alle imprese e agli enti delle comunità colpite;
  • dare continuità per tre anni al meccanismo di incentivazione dell’ecobonus per le ristrutturazioni e riqualificazione energetiche, anche per gli adeguamenti e consolidamenti sismici, cambiando e semplificando i criteri e i meccanismi vigenti e prevedendo norme specifiche per i soggetti incapienti;
  • prevedere la possibilità di un’assicurazione obbligatoria sulla casa, interamente detraibile, che copra i rischi di calamità naturali.

Un secondo ordine del giorno approvato, l’ordine del giorno G1 (testo 2), impegna invece il Governo a prevedere forme specifiche di assistenza per le persone con disabilità.

Tale iniziativa va di pari passo con le mozioni approvate il 28 settembre dalla Camera dei Deputati che, ugualmente, impegnano il Governo sulle tempistiche, sulla modalità e sui principi ispiratori da seguire nell’intervento di ricostruzione post-sisma.

Nell’ambito della discussione delle mozioni è intervenuto il Sottosegretario De Vincenti che ha rassicurato sull’impegno del Governo nel garantire che la ricostruzione avverrà negli stessi luoghi; i borghi saranno ricostruiti come erano, mantenendo la loro identità culturale e storica, con una messa in sicurezza antisismica che risponda agli standard che le tecnologie attuali consentono di realizzare. Ha inoltre anticipato che la legge di Bilancio dedicherà risorse importanti alla ricostruzione e messa in sicurezza, nonché alla prevenzione e allo sviluppo del territorio, stabilizzando risorse già stanziate e prevedendone delle nuove.

Per approfondimenti:

Ordine del giorno n.3  Vaccari, Marinello, Romano, Mazzoni

Shares