Categorie: Edilizia, HOME PAGE, MEPA, news,

12 luglio 2016 - La news ha avuto 890 visite
Mepa: nuovi bandi per i lavori di manutenzione
appalti mepa
Nuovi bandi per il MEPA, Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione, che si apre quindi agli appalti di lavori di manutenzione. Consip, la centrale di acquisti della Pa controllata dal ministero dell’Economia, inaugura la sua prima iniziativa che consentirà alle imprese di accreditarsi per piccole gare di manutenzioni ordinarie e straordinarie.
Amministrazioni e imprese potranno negoziare sulla piattaforma Mef/Consip non solo acquisti di beni o servizi, ma anche appalti di lavori, con tutti i vantaggi in termini di semplificazione, rapidità e trasparenza legati all’utilizzo di uno strumento totalmente telematico.
A partire dal 1° luglio le imprese fornitrici possono abilitarsi attraverso il Portale degli acquisti a uno o più dei sette bandi istituiti, che riguardano le manutenzioni di diversi settori (edili; stradali, ferroviarie ed aeree; idrauliche, marittime e reti gas; impianti; ambiente e territorio; dei beni del patrimonio culturale) e le opere specializzate. Le tipologie di lavori previste sono gli interventi di manutenzioneordinaria” e “straordinaria“, escludendo dunque quelli di restauro e risanamento conservativo e le ristrutturazioni edilizie e urbanistiche.
 Ciascuna impresa potrà scegliere se abilitarsi solo per l’esecuzione di lavori di importo inferiore a 150mila euro o anche per eseguire lavori di importo pari o superiore a 150mila euro.
Le Amministrazioni potranno negoziare sulla piattaforma lavori per importi fino a un milione di euro, con la modalità della Richiesta di offerta (RDO), cioè invitando il numero minimo di fornitori prescritti dalla normativa (per importi fino a 500mila euro almeno cinque, per importi compresi fra 500mila e un milione di euro almeno 10 – o 15 nel caso di beni tutelati). A differenza di altri bandi del Mepa, non è prevista la pubblicazione di un catalogo e la possibilità di emettere ordini diretti.
fonte: anaepa.it
Shares