Categorie: ANAP pensionati, Iniziative, news,

7 ottobre 2015 - La news ha avuto 163 visite
Truffe agli anziani: L’A.N.A.P. di Macerata a convegno

Folta partecipazione al convegno sulle truffe agli anziani svoltosi domenica scorsa a Recanati nell’ambito della giornata sociale dell’Associazione dei Pensionati afferenti al sistema Confartigianato. Con la collaborazione del Ministero dell’Interno, nell’ambito di un progetto nazionale a tutela degli anziani (campagna “Più sicuri insieme”), Confartigianato Persone, attraverso l’ANAP, ha voluto fare opera di denuncia, informazione e prevenzione di un fenomeno sociale, purtroppo, in costante crescita, quello appunto che vede negli anziani le vittime predilette di furti, rapine e truffe.

Dopo i saluti del dott. Salvatore Calvagna, Vice Prefetto di Macerata, del dott. Massimiliano Grufi, Presidente del Consiglio del Comune di Recanati e del coordinatore del convegno, il Presidente dell’A.N.A.P. provinciale di Macerata Guido Celaschi, si sono avuti gli apprezzati e pertinenti interventi dei relatori dott. Ciro Del Luca – Vice Questore di Macerata, del Cap. Enzo Marinelli – Comandante della Compagnia Carabinieri di Civitanova Marche, del Luogotenente Luciano Giacò – Comandante della Guardia di Finanza di Porto Recanati e della dott.ssa Anna Annessi – Psicologa ASUR Zona Territoriale n. 9, ai quali vanno i sinceri e calorosi ringraziamenti da parte degli organizzatori della manifestazione.

Nel 2014 i reati di truffa, rapina e furto hanno interessato 263.074 vittime anziane (over 65): una vittima ogni due minuti! Ogni 100.000 abitanti si contano, tra gli anziani, 402 vittime di furti (92,9% del totale), 24 di truffe (5,5%) e 7 di rapina (1,7%); il 76,7% del totale delle vittime anziane di reati sono ricomprese in queste tre tipologie di crimini.

Da rilevare poi che nell’ultimo anno gli anziani vittime di reati sono cresciuti del 4,4%, a fronte di un calo del 4,0% delle vittime “under 65”.

Già questi dati mostrano chiaramente la maggiore vulnerabilità della popolazione anziana a questi tipi di reati. Tra le cause di ciò l’elevata presenza di nuclei familiari composti da solo un anziano o da due anziani soli (essi rappresentano oggi il 23,2% delle famiglie italiane) come pure il fatto che spesso gli anziani non sono in buone condizioni di salute.

Confartigianato Persone Macerata ha condotto, nello specifico, una analisi sul territorio provinciale evidenziando l’incidenza di tali reati sulla popolazione oltre che la dinamica del fenomeno nel corso del 2014.

Nella regione Marche nel 2014 si sono avuti a carico di ultra sessantacinquenni 5.098 furti, 52 rapine, 327 truffe: in totale 5.477 vittime, corrispondenti al 77,7% delle 7.052 vittime anziane di reati in toto, dato che posiziona la nostra regione al 7° posto della graduatoria per regioni. Molto più negativo il dato concernente la dinamica (rispetto all’anno precedente): le Marche sono infatti al 1° posto sia per vittime anziane di furti, rapine e truffe con un + 14,4% (crescita di + 13,8% dei furti, + 30,8% delle truffe, diminuzione del 13,3% delle rapine) sia per totale di reati a carico di anziani con un + 10,1%.

Per quanto concerne la provincia di Macerata rileviamo che nel 2014 gli “over 65” vittime di reati sono stati 1.060 (977 per furti, 8 per rapine, 75 per truffe), un valore che rappresenta il 77,2% dei 1.373 ultrasessantacinquenni vittime di ogni tipo di reati. Se a livello di incidenza del fenomeno il dato non è sicuramente eclatante (Macerata si attesta al 40° posto della graduatoria per province), sicuramente più allarmanti sono i segnali che derivano dai dati sulla dinamica rispetto all’anno precedente: 3° posto della graduatoria nazionale con un + 29,0% per quanto attiene il dato cumulato per furti, rapine e truffe, 3° posto con un + 27,5% per quanto attiene i furti, ancora 3° posto per quanto riguarda le rapine, 13° posto, con un + 50,0% per le truffe.

   

UFFICIO STAMPA CONFARTIGIANATO IMPRESE MACERATA

Shares