Categorie: Contributi alle Imprese, Credito, news,

16 settembre 2015 - La news ha avuto 137 visite
Credito di imposta: pubblicato il decreto attuativo per le imprese che investono in ricerca e sviluppo

Confartigianato informa che sulla Gazzetta Ufficiale del 29/07 u.s. è stato pubblicato il decreto MEF-MISE che da attuazione alla misura relativa al credito di imposta di cui potranno beneficiare le imprese che investono in ricerca e sviluppo.

Riportiamo di seguito una breve scheda sintetica dell’intervento a decorrere dal periodo d’imposta 2015 fino a quello in corso al 31 dicembre 2019.

 

Campo di Intervento progetti

Ai fini della determinazione del credito d’imposta di cui al decreto in oggetto, sono considerate ammissibili le spese concernenti:

  • lavori sperimentali o teorici svolti, aventi quale  principale finalita’  l’acquisizione  di  nuove  conoscenze  sui  fondamenti  di fenomeni  e  di  fatti  osservabili,   senza   che   siano   previste applicazioni o usi commerciali diretti;
  • ricerca pianificata o indagini critiche miranti  ad  acquisire nuove conoscenze, da utilizzare per mettere a punto  nuovi  prodotti, processi o  servizi  o  permettere  un  miglioramento  dei  prodotti, processi o servizi esistenti ovvero la  creazione  di  componenti  di sistemi  complessi,  necessaria  per  la  ricerca   industriale,   ad esclusione dei prototipi di cui al punto;
  • acquisizione, combinazione, strutturazione  e  utilizzo  delle conoscenze e capacita’ esistenti di natura scientifica, tecnologica e commerciale allo scopo di produrre  piani,  progetti  o  disegni  per prodotti, processi o servizi nuovi,  modificati  o  migliorati;  
  • realizzazione di prototipi  utilizzabili per scopi commerciali e di progetti pilota  destinati  a  esperimenti tecnologici o commerciali, quando il prototipo e’ necessariamente  il prodotto commerciale finale e il suo costo di fabbricazione e’ troppo elevato per poterlo usare soltanto  a  fini  di  dimostrazione  e  di convalida;
  • produzione e collaudo  di  prodotti,  processi  e  servizi,  a condizione  che  non  siano  impiegati  trasformati  in  vista  di applicazioni industriali o per finalita’ commerciali.

Agevolazioni

Il credito d’imposta spetta, fino ad un importo massimo  annuale di euro 5 milioni per ciascun beneficiario, ed e’ riconosciuto a condizione che la spesa complessiva  per investimenti in attivita’ di ricerca e sviluppo effettuata in ciascun periodo  d’imposta  in  relazione  al   quale   si   intende   fruire dell’agevolazione ammonti almeno ad euro 30.000 ed  ecceda  la  media dei  medesimi  investimenti  realizzati  nei  tre  periodi  d’imposta precedenti a quello in corso al 31 dicembre 2015. Il credito di imposta è riconosciuto nella misure del 25% o del 50% delle spese incrementali relative alle varie tipologie di costi ammissibili.

 

Presentazione delle Domande

Il credito d’imposta  deve  essere indicato  nella  dichiarazione  dei  redditi  relativa   al   periodo d’imposta nel corso del quale sono stati sostenuti  i  costi.


Per info
Laura Emiliozzi

Tel. 0733.663206
l.emiliozzi@macerata.confartigianato.it

 

 

Shares