Categorie: news,

8 aprile 2015 - La news ha avuto 27 visite
Energia - Agevolazioni alle imprese a forte consumo di energia elettrica

L’Autorità per l’Energia Elettrica e Gas e servizio Idrico ha pubblicato la deliberazione 19 marzo 2015 112/2015/r/eel in merito alle agevolazioni alle imprese a forte consumo di energia elettrica, per l’anno 2014.

Con tale delibera si modifica in parte quanto già disposto con la deliberazione 467/2013/R/eel per il medesimo anno, in attesa dei risultati del procedimento avviato dalla Commissione Europea di verifica della compatibilità delle misure adottate con le norme europee in materia di aiuti di stato.

Entro il 15 aprile 2015, la Cassa predispone e pubblica sul proprio sito la circolare di aggiornamento delle modalità e tempistiche di riconoscimento delle agevolazioni alle imprese a forte consumo di energia elettrica, ai sensi delle modalità operative e tempistiche per l’aggiornamento dell’elenco delle imprese a forte consumo di energia elettrica, la trasmissione agli organi di controllo e il riconoscimento delle agevolazioni negli anni 2013 e 2014 (allegato alla presente).

A differenza degli anni precedenti, Cassa Conguaglio per il settore elettrico (CCSE), eroga entro il 30 settembre 2015 l’intero ammontare delle agevolazioni di competenza dell’anno 2014 a tutte le imprese aventi diritto che entro il 30 giugno 2015:

a) hanno presentato la dichiarazione IVA per l’anno 2014;

b) hanno presentato la dichiarazione alla medesima Cassa con i dati 2014;

c) hanno superato i controlli previsti da Cassa

L’Autorità, quindi, per l’anno 2014, modifica le modalità di riconoscimento delle agevolazioni che erano state adottate per l’anno 2013, eliminando il meccanismo di acconto, e anticipando, nel contempo il momento di erogazione dell’agevolazione, fermo restando il principio di “effettività” delle agevolazione per cui vengono riconosciute solo a fronte di consumi e effettivo possesso dei requisiti richiesti per le imprese “energivore”, accertati per l’anno cui si riferiscono.

Le suddette disposizioni eliminano la necessità di presentare le fideiussioni per il riconoscimento delle agevolazioni per l’anno 2014; tuttavia, poiché il procedimento avviato presso la Commissione Europea non risulta ancora concluso, l’Autorità si riserva di apportare eventuali modifiche al provvedimento in relazione agli sviluppi del medesimo procedimento.

In particolare il provvedimento prevede che la Cassa conguaglio per il settore elettrico:

 

–       avvia dal 15 maggio 2015 la raccolta delle dichiarazioni delle imprese a forte consumo di energia elettrica relative al 2014; rimane inalterato il termine ultimo per rilasciare le suddette dichiarazioni al 31 ottobre (come previsto dal decreto ministeriale 5 aprile 2013);

–       eroga entro il 30 settembre 2015 l’intero ammontare delle agevolazioni di competenza 2014 alle imprese che entro il 30 giugno hanno presentato le dichiarazioni necessarie (dichiarazione IVA e inserimento dei dati 2014 nel portale messo a disposizione dalla CCSE) e superato i controlli sui dati del 2014;

–       eroga l’intero ammontare delle agevolazioni di competenza 2014 alle altre imprese aventi diritto con tempistiche previste dalla Cassa medesima ma comunque entro il 31 dicembre 2015, fatti salvi eventuali controlli;

–       pubblica entro il 30 novembre 2015 l’elenco delle imprese a forte consumo di energia per l’anno 2014.

In attesa delle disposizioni operative di CCSE, (cfr allegato) si ricorda che per essere inseriti nell’elenco delle imprese energivore e poter fruire degli sconti sulle componenti A-UC sono necessari:

 

–       Dati del rappresentante legale o negoziale (fotocopia documento identità);

–       Il codice ATECO dell’Azienda;

–       I quantitativi annui di energia elettrica acquistata per livello di tensione;

–       Eventuali quantitativi di energia elettrica autoprodotta ai fini dello svolgimento dell’attività dell’impresa (energia autoconsumata);

–       Il valore del fatturato, assunto pari al volume di affari relativo all’annualità di riferimento (es. anno 2012 per il 2013) dichiarato dall’impresa ai fini dell’applicazione dell’imposta sul valore aggiunto;

–       I codici POD identificativi dei punti di prelievo di energia elettrica associati alla partita IVA.

Tali dati dovranno essere caricati attraverso il portale web http://energivori.ccse.cc/ della CCSE seguendo formati ed istruzioni che saranno resi noti.

 

Shares