Categorie: Autotrasporto, HOME PAGE, news,

30 luglio 2014 - La news ha avuto 170 visite
News Trasporti

News Trasporti

1406730224_Decreto_fondi_investimenti_2014.pdf,1406730036_Costi_minimi_per__luglio_2014.pdf,1406730224_Decreto_fondi_investimenti_2014.pdf,1406730036_Costi_minimi_per__luglio_2014.pdf,1406730224_Decreto_fondi_investimenti_2014.pdf,1406730036_Costi_minimi_per__luglio_2014.pdf 

– È stato pubblicato il decreto che stanzia i fondi destinati agli investimenti innovativi per mezzi ecosostenibili

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha reso noto il decreto, in attesa della pubblicazione in GU, che stabilisce le modalità di ripartizione e di erogazione delle risorse finanziarie dedicate agli investimenti per l’anno 2014, destinate al settore dell’autotrasporto per una quota di 15 milioni di Euro.

 Tale decreto (n° 307 del 03/07/2014) fa riferimento alla ripartizione dei fondi per 300 milioni destinati al settore dell’autotrasporto, attualmente in fase di registrazione, di cui 15mln sono destinati agli investimenti.

I possibili beneficiari di tali finanziamenti sono tutte le imprese di autotrasporto di merci, di qualsiasi dimensione, in regola con i requisiti di iscrizione al Registro elettronico nazionale e all’Albo degli autotrasportatori. Sarà possibile ricevere il finanziamento solo ed esclusivamente per l’acquisizione di mezzi a bassa impatto ambientale.

I 15 mln, disponibili fino ad esaurimento, sono utilizzabili dalle imprese di autotrasporto per:

1) l’acquisizione, anche mediante locazione finanziaria, di autoveicoli, nuovi di fabbrica, adibiti al trasporto merci di massa complessiva a pieno carico da 3,5 a 7 tonnellate a trazione alternativa a gas naturale o biometano.

2) l’acquisizione, anche mediante locazione finanziaria, di autoveicoli, nuovi di fabbrica, adibiti al trasporto merci di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 16 tonnellate a trazione alternativa a gas naturale o biometano.

3) l’acquisizione, anche mediante locazione finanziaria, di semirimorchi, nuovi di fabbrica, per il trasporto combinato ferroviario rispondenti alla normativa UIC 596-5 e per il trasporto combinato marittimo dotati di ganci nave rispondenti alla normativa IMO.

Il valore del contributo erogato per i mezzi di massa a pieno carico da 3,5 a 7 tonnelate è pari a 2.400 Euro, mentre per i mezzi di massa sempre a pieno carico da 16 tonnelate o superiore è pari a 9.200 Euro. Il contributo erogato per l’acquisto di semirimorchi destinati al trasporto combinato ferroviario o marittimo, di cui al punto 3, è di 4.500 Euro oppure 6.000 Euro se si rispetta almeno una delle seguenti condizioni: il mezzo sia dotato di pneumatici classe C3 con coefficiente di resistenza al rotolamento inferiore a 8,0kg/g. dotati di Tire Pressure Monitoring System (TPMS) oppure vi sia la radiazione di un rimorchio o semirimorchio con più di dieci anni di età.

Le domande per accedere ai finanziamenti dovranno essere inoltrate utilizzando l’apposito modulo pubblicato in formato Word sul sito del MIT alla voce “autotrasporto”- “contributi e incentivi” e presentare domanda entro il termine perentorio del 30 novembre 2014, tramite raccomandata A/R o consegnata a mano, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – Dipartimento dei Trasporti Terrestri – Direzione Generale per il trasporto stradale e l’intermodalità, Via Giuseppe Caraci, 36 – 00157 Roma. 

 

– Costi minimi applicabili a luglio 2014

La Direzione generale per il trasporto stradale e l’intermodalità, presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha pubblicato i dati relativi ai costi minimi di sicurezza validi per il mese di luglio.

 

I costi di esercizio delle imprese di autotrasporto conto terzi, applicabili ai trasporti effettuati a giugno 2014, sono stati adeguati in considerazione del prezzo medio del gasolio nel mese di maggio, rilevato dal Ministero dello Sviluppo Economico come pari a 1.632,08 euro per mille litri, in lieve aumento rispetto al mese precedente.

 

– Scadenza CQC anticipata di due anni

La Gazzetta Ufficiale numero 171 del 25 luglio 2014 pubblica il decreto del ministero dei Trasporti del 10 giugno 2014 che sopprime il prolungamento di due anni della validità della Carta di Qualificazione del Conducente.

Come anticipato da TrasportoEuropa, la proroga della validità della CQC al 2020 (per le persone) e al 2021 (per le merci) è stata soppressa, a causa di una specifica richiesta dell’Unione Europea. Lo stabilisce il decreto ministeriale del 10 giugno 2010, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 25 luglio scorso, che sopprime l’articolo 2 del DM 6 agosto 2016, che prorogava l’estensione della scadenza di validità della CQC al 9 settembre 2020 per il trasporto di persone e al 9 settembre 2021 per il trasporto di cose, in seguito alla formazione periodica.

Ora, quindi, le nuove scadenze della CQC sono il 9 settembre 2018 per la CQC persone e il 9 settembre 2019 per la CQC merci. Tali scadenze valgono sia per i corsi di aggiornamento già completati, sia per quelli ancora di svolgere. Il decreto spiega anche che un provvedimento della Direzione Generale per la Motorizzazione preciserà le procedure per conformare i documenti comprovanti il rinnovo di validità della qualificazione professionale CQC fino al 2020 e 2021 al principio espresso dall’articolo 8 (paragrafo 3) della direttiva 2003/59/CE, secondo cui “Il Conducente che ha concluso la prima fase di formazione periodica di cui al paragrafo 2 segue una formazione periodica ogni cinque anni prima della scadenza del periodo di validità del CAP comprovante la formazione periodica”.

 

1406730224_Decreto_fondi_investimenti_2014.pdf,1406730036_Costi_minimi_per__luglio_2014.pdf,1406730224_Decreto_fondi_investimenti_2014.pdf,1406730036_Costi_minimi_per__luglio_2014.pdf,1406730224_Decreto_fondi_investimenti_2014.pdf,1406730036_Costi_minimi_per__luglio_2014.pdf

 

Shares