Categorie: news,

19 giugno 2014 - La news ha avuto 21 visite
ENERGIA, riduzione bollette per le Pmi. Il Presidente Leonori: "Finalmente un provvedimento che abbassa anche le bollette delle piccole imprese"

ENERGIA, riduzione bollette per le Pmi. Il Presidente Leonori: "Finalmente un provvedimento che abbassa anche le bollette delle piccole imprese"

1403187344_energia.jpg,1403187344_energia.jpg 

 

Il provvedimento annunciato dal Presidente del Consiglio venerdì scorso e illustrato nei giorni scorsi dal Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi va finalmente nella direzione giusta per ridurre il costo delle bollette elettriche delle piccole imprese.

Così il Presidente di Confartigianato Imprese Macerata, Cav. Renzo Leonori giudica le misure del Governo.

Il Ministro Guidi – sottolinea Leonori – ha recepito le nostre proposte di abbassamento della soglia degli utenti elettrici da 55kW a 16,5 kW di potenza per consentire ad oltre  400.000 utenze in più e all’81% dell’artigianato manifatturiero con dipendenti, di usufruire degli sconti in bolletta. Sconti di cui usufruiranno anche molte imprese del settore servizi e commercio. Un’ottima notizia quindi per il mondo delle micro e piccole imprese maceratesi che rappresentiamo, frutto del competente e attento lavoro che abbiamo svolto al tavolo aperto su questo tema dal Ministero.  Per esemplificare al massimo, basti pensare che per un’utenza in bassa tensione con un consumo medio, il risparmio atteso sulla bolletta sarà di circa il 9%.

Per la prima volta da molti anni – aggiunge Leonori – si tratta di un intervento rivolto alle piccole imprese con la volontà di tagliare agevolazioni fortemente inique, evitando il cumulo con le agevolazioni precedenti, come quelle dedicate alle imprese energivore. Attendiamo quindi le ulteriori misure relative alla riduzione dell’interrompibilità e dei sussidi incrociati, non contenute nel provvedimento, che sono attualmente allo studio dei tecnici ministeriali.

Il provvedimento inizialmente previsto dal Governo per ridurre il costo delle bollette elettriche delle Pmi prevedeva, come accennato, una soglia a 55KW ed avrebbe interessato solo il 2% di tutte le micro e piccole imprese nazionali allacciate in bassa tensione.

Grazie alle osservazioni ed alle proposte fatte da Confartigianato sulla base dei dati effettivi di consumo di un proprio campione significativo di 17.500 utenze (proposte recepite, come detto, nel provvedimento definitivo varato dal Ministero) i piccoli imprenditori godranno di un trattamento tariffario sicuramente più equo.

Al sistema squilibrato di oneri fiscali e parafiscali sul costo dell’energia, che ha fatto pagare finora  l’elettricità alle piccole aziende quasi quanto a quelle di media dimensione, oggi è stata apportata una netta correzione.

 

 

UFFICIO STAMPA CONFARTIGIANATO IMPRESE MACERATA

1403187344_energia.jpg,1403187344_energia.jpg

 

Shares