Categorie: news,

19 febbraio 2014 - La news ha avuto 20 visite
Manifestazione di protesta delle imprese" Senza impresa non c’è Italia" : partecipazione in massa da Macerata a Roma contro tasse e burocrazia

Manifestazione di protesta delle imprese" Senza impresa non c’è Italia" : partecipazione in massa da Macerata a Roma contro tasse e burocrazia

1392826664_foto_2_d.JPG,1392826485_foto_3_c.JPG,1392826279_foto_3.JPG,1392826042_foto_1_c.JPG,1392826022_foto_1_b.JPG,1392826002_foto_1.JPG,1392196229_comunicato_per_mobilitazione_del_18_febbraio.doc,1392824774_20140218_120115.jpg,1391444619_VETROFANIA_MOBILITAZIONE_RETE_IMPRESE_ITALIA_18_FEBBRAIO.pdf,1391444590_VOLANTINO_MOBILITAZIONE_RETE_IMPRESE_ITALIA_18_FEBBRAIO.pdf,1392824270_20140218_115937.jpg,1392826664_foto_2_d.JPG,1392826485_foto_3_c.JPG,1392826279_foto_3.JPG,1392826042_foto_1_c.JPG,1392826022_foto_1_b.JPG,1392826002_foto_1.JPG,1392196229_comunicato_per_mobilitazione_del_18_febbraio.doc,1392824774_20140218_120115.jpg,1391444619_VETROFANIA_MOBILITAZIONE_RETE_IMPRESE_ITALIA_18_FEBBRAIO.pdf,1391444590_VOLANTINO_MOBILITAZIONE_RETE_IMPRESE_ITALIA_18_FEBBRAIO.pdf,1392824270_20140218_115937.jpg 

Grande risultato per la manifestazione nazionale organizzata a Roma da Confartigianato, Cna, Confcommercio, Confesercenti e Cassartigiani. Sessantamila imprenditori, tremila marchigiani, sono scesi in piazza per dire basta ad una situzione ormai insostenibile.

Al Governo chiediamo che venga abbassato il peso fiscale e che diminuisca la burocrazia per chi voglia iniziare una nuova attività – commenta all’arrivo a Roma per la manifestazione nazionale di Rete Imprese, Renzo Leonori, presidente di Confartigianato Macerata che rappresenta circa 6mila soci, 3.200 aziende attive e 5.400 pensionati Anap Confartigianato – Chiediamo che le banche siano più disponibili per sopperire ai problemi delle nostre aziende.

Oltre sessantamila sono stati i partecipanti, secondo i dati di Rete imprese Italia, che hanno riempito in mattinata piazza del popolo che per l’occasione é stata ribattezzata la piazza degli imprenditori. Oltre tremila i rappresentanti delle imprese marchigiane che hanno aderito alla manifestazione, hanno voluto far sentire la loro voce mettendoci la faccia. Il problema serio é che questo é un paese che non funziona,gli imprenditori che sono la spina dorsale del paese vengono dimenticati dalle politiche economiche fiscali – ha commentato Giorgio Cippitelli, segretario regionale di Confartigianato – O il paese dà spazio alle imprese o il paese é out, Renzi o non Renzi. Tassazione troppo alta e burocrazia eccessiva: questi i principali problemi messi in campo.

Rappresento tanti trasportatori come me che si trovano in difficoltà per la tanta burocrazia e le tasse che ci sovraccaricano – ha detto Emanuele Pepa, presidente trasportatori di Confartigianato – Al governo chiediamo più attenzione e più controlli sulle strade”. Giorgio Merletti non usa mezzi termini nel discorso che chiude la manifestazione e a Matteo Renzi, impegnato a formare il nuovo governo, lanci l’hasthag #matteostaipreoccupato. “Voi siete qui , non siete virtuali. Passatemi la parola ma ci hanno rotto i c…  Siamo stanchi di questa situazione, lo dico  sia come cittadino sia come imprenditore – ha commentato Merletti – siamo stanchi di essere soffocati dalle tasse e dalla burocrazia, di vedere il peso della crisi scaricato su chi lavora e chi produce.  Di certo non abbiamo generato noi questa situazione, ora occorre che la politica capisca che senza imprese questo paese é finito.

I numeri sono da brivido: negli ultimi cinque anni hanno chiuso circa 1.000 aziende ogni giorno, la ricchezza prodotta dall’Italia e’ diminuita del 9%, la disoccupazione e’ raddoppiata, passando dal 6,4% al 12,7% per un totale di 1,2 milioni di disoccupati in più. Nel frattempo la pressione fiscale ha raggiunto il 44,3% del Pil (e resteràsopra il 44 % per molto tempo) mentre quella legale (su ogni euro di Pil dichiarato) si aggira intorno al 54%. La burocrazia costa alle Pmi 30 miliardi di euro l’anno e il credito e’ in calo dal 2011. La piccola impresa, che rappresenta il 94% del tessuto produttivo dell’Italia e ne e’ il principale motore contribuendo per il 62% al valore aggiunto, chiede al governo subito un cambio di rotta e risposte concrete per uscire da una crisi che ha colpito duramente. Stavolta davvero la pazienza e’ finita.

 

 

 Scarica l’articolo di Cronache Maceratesi

Visiona il video di Cronache Maceratesi

 

 

 

1392826664_foto_2_d.JPG,1392826485_foto_3_c.JPG,1392826279_foto_3.JPG,1392826042_foto_1_c.JPG,1392826022_foto_1_b.JPG,1392826002_foto_1.JPG,1392196229_comunicato_per_mobilitazione_del_18_febbraio.doc,1392824774_20140218_120115.jpg,1391444619_VETROFANIA_MOBILITAZIONE_RETE_IMPRESE_ITALIA_18_FEBBRAIO.pdf,1391444590_VOLANTINO_MOBILITAZIONE_RETE_IMPRESE_ITALIA_18_FEBBRAIO.pdf,1392824270_20140218_115937.jpg,1392826664_foto_2_d.JPG,1392826485_foto_3_c.JPG,1392826279_foto_3.JPG,1392826042_foto_1_c.JPG,1392826022_foto_1_b.JPG,1392826002_foto_1.JPG,1392196229_comunicato_per_mobilitazione_del_18_febbraio.doc,1392824774_20140218_120115.jpg,1391444619_VETROFANIA_MOBILITAZIONE_RETE_IMPRESE_ITALIA_18_FEBBRAIO.pdf,1391444590_VOLANTINO_MOBILITAZIONE_RETE_IMPRESE_ITALIA_18_FEBBRAIO.pdf,1392824270_20140218_115937.jpg

 

Shares