Categorie: Edilizia, HOME PAGE, news,

16 ottobre 2013 - La news ha avuto 76 visite
Edilizia – Al via il Primo programma "6000 campanili"

Edilizia – Al via il Primo programma "6000 campanili"

1381936177_edilizia.jpg,1381936177_edilizia.jpg,1381936177_edilizia.jpg <p style="text-align: justify;">A firma del Presidente Provinciale Bruno Crescimbeni il gruppo Edili di Confartigianato Imprese Macerata ha inviato, nei giorni scorsi, a tutti i Sindaci dei Comuni della Provincia di Macerata con popolazione inferiore a 5.000 abitanti, una missiva con l&rsquo;intento di porre all&rsquo;attenzione delle Amministrazioni locali interessate l&rsquo;importante provvedimento contenuto nel cosiddetto &ldquo;Decreto del Fare&rdquo; denominato Programma &ldquo;6000 campanili&rdquo;. Si tratta di un contributo per il quale le richieste di accesso possono essere presentate a partire dalle ore 9.00 del 24 ottobre c.a. a cui, per l&rsquo;anno 2014, sono destinati 100 milioni di euro del &ldquo;Fondo sblocca cantieri&rdquo;.</p> <p style="text-align: justify;">Le richieste da parte dei soggetti interessati potranno essere inoltrate esclusivamente all&rsquo;indirizzo <strong>pec@6000campanili.anci.it</strong> a partire dal 24 ottobre, e dovranno pervenire entro e non oltre 60 giorni dalla stessa. Possono presentare la richiesta di contributo finanziario i Comuni che, sulla base dei dati anagrafici risultanti dal censimento della popolazione 2011, avevano una popolazione inferiore ai 5.000 abitanti. Ogni soggetto richiedente potr&agrave; presentare un solo progetto anche comprendente pi&ugrave; opere connesse funzionalmente purch&eacute; coerenti con le tipologie di intervento previste dalla legge ed aggiudicabili tramite un&rsquo;unica procedura. Sono finanziabili: gli interventi infrastrutturali di adeguamento, ristrutturazione e nuova costruzione di edifici pubblici ivi compresi gli interventi relativi all&rsquo;adozione di misure antisismiche; gli interventi di realizzazione e manutenzione di reti viarie e infrastrutture accessorie e funzionali alle stesse o reti telematiche di nuova generazione NGN e WI-FI; gli interventi per la salvaguardia e messa in sicurezza del territorio (per esempio regimazione idraulica, consolidamento di frane, prevenzione incendi boschivi, bonifiche ambientali, ecc.). L&rsquo;applicabilit&agrave; del programma &egrave; dunque vastissima, mentre l&rsquo;importo finanziato per ogni progetto dovr&agrave; essere compreso tra 500.000 e 1.000.000 di euro.</p> <p style="text-align: justify;">Un&rsquo;occasione che siamo certi i Comuni non perderanno: essa &egrave; infatti una grande opportunit&agrave; oltre che per realizzare opere utili e necessarie per la collettivit&agrave;, anche e soprattutto, vista la crisi drammatica che ancora stiamo attraversando, per far ripartire il settore delle costruzioni, da sempre volano di crescita economica per il territorio con conseguenze altamente positive soprattutto per la ripresa occupazionale.</p>

1381936177_edilizia.jpg,1381936177_edilizia.jpg,1381936177_edilizia.jpg

 

Shares