Categorie: HOME PAGE, Moda, news,

5 aprile 2013 - La news ha avuto 31 visite
Mercati asiatici, interesse crescente per i prodotti 100% made in Italy

Mercati asiatici, interesse crescente per i prodotti 100% made in Italy

1365174080_Segnalibro_2013_web.jpg,1365174080_Segnalibro_2013_web.jpg,1365174080_Segnalibro_2013_web.jpg <p style="text-align: justify;">Del fatto che i prodotti con logo 100% made in Italy siano sempre pi&ugrave; apprezzati e richiesti ne abbiamo avuta un&rsquo;ulteriore dimostrazione dall&rsquo;interesse mostrato da operatori e consumatori presenti alla &ldquo;Chic&rdquo; di Pechino, fiera internazionale della moda svoltasi nella capitale cinese dal 26 al 29 marzo scorsi: le imprese italiane presenti, rappresentative dei settori di abbigliamento, calzature, pelletteria ed accessori, si sono dimostrate soddisfatte sia per il lavoro preparatorio svolto dalla nuova Ice (il &ldquo;Padiglione Italia&rdquo; ha infatti organizzato due sfilate di moda in ogni giornata di fiera) riuscendo cos&igrave; a catturare l&rsquo;attenzione di operatori e visitatori, sia per l&rsquo;interesse ed apprezzamento conseguentemente dimostrato dagli stessi sui prodotti 100% Made in Italy.</p> <p style="text-align: justify;">Questo &egrave; quanto affermato dall&rsquo;imprenditore maceratese Giuseppe Mazzarella, Presidente Nazionale della Moda di Confartigianato e membro del CdA della nuova ICE (Istituto Italiano per il Commercio con l&rsquo;Estero) a seguito della sua partecipazione all&rsquo;evento. Con circa 2000 espositori ed una media di 100.000 visitatori al giorno la Chic &egrave; uno dei maggiori eventi fieristici del settore moda sul territorio cinese e rappresenta un&rsquo;ottima vetrina per l&rsquo;intero mercato dell&rsquo;Estremo Oriente: numerose sono infatti le presenze di buyers giapponesi, taiwanesi e di acquirenti provenienti dall&rsquo;area di Hong Kong.</p> <p style="text-align: justify;">Sono certo &ndash; afferma ancora Mazzarella – che analogo crescente interesse per i nostri prodotti con logo 100% made in Italy lo registreremo anche nell&rsquo;imminente &ldquo;The MICAM Shanghai&rdquo;. Si tratta della prima edizione di ci&ograve; che vuol essere il trasferimento in Cina del format del MICAM: dal 9 all&rsquo;11 aprile saranno 251 le imprese calzaturiere presenti (174 saranno quelle italiane, di cui 86 provenienti dalle Marche e di queste, 32 verranno dalla provincia di Macerata). Tale evento &egrave; assai importante per il nostro settore calzaturiero e per la nostra economia in genere: la Cina da qui al 2016 crescer&agrave; mediamente del 13% annuo, il maggior benessere stimoler&agrave;, come in passato, anche la ricerca di qualit&agrave; ed i nostri prodotti, al riguardo, non sono secondi a nessuno. D&rsquo;altra parte il mercato cinese per le nostre calzature &egrave; da tempo un riferimento importante: nel 2012 l&rsquo;intera Europa ha esportato in Cina 7,5 milioni di paia di scarpe ed il 46% di detta esportazione &egrave; stata rappresentata da calzature &ldquo;made in Italy&rdquo;</p>

1365174080_Segnalibro_2013_web.jpg,1365174080_Segnalibro_2013_web.jpg,1365174080_Segnalibro_2013_web.jpg

 

Shares