Categorie: HOME PAGE, Impiantisti, news,

5 aprile 2013 - La news ha avuto 76 visite
Allarme di Confartigianato: "Modificare subito il decreto legislativo 28/11"

Allarme di Confartigianato: "Modificare subito il decreto legislativo 28/11"

 

Un’altra legge contro l’occupazione. Dal 1° agosto potrebbero trovarsi senza lavoro molti dei 57.000 installatori di impianti che operano nel settore dell’energia da fonti rinnovabili: fotovoltaico, a biomasse, solare termico, pompe di calore e geotermia.

E’ il destino che li attende in base al decreto legislativo 28/11 che recepisce una direttiva europea e impone, quale requisito per poter effettuare interventi di installazione nel settore delle rinnovabili, percorsi di qualificazione professionale per i responsabili tecnici delle aziende (titolari e dipendenti). Ma, mentre per i laureati e i diplomati agli istituti tecnici la legge non prevede obblighi di formazione, e per i diplomati di scuola professionale impone un corso di 80 ore, non c’è alcun riferimento a titolari e dipendenti in possesso del titolo di studio della scuola dell’obbligo e dell’esperienza maturata in anni di lavoro. In pratica a questi imprenditori si nega sia il riconoscimento delle competenze acquisite sia la possibilità di svolgere corsi di aggiornamento professionale. Per la legge è come se non esistessero.

Soprattutto in un momento di crisi qual è quello attuale, una norma come questa si abbatte come una mannaia sulle imprese e sui lavoratori del settore installazione impianti: tutto il contrario di quanto servirebbe sia per favorire l’occupazione sia per contribuire a sviluppare il settore delle energie rinnovabili. Confartigianato Impianti è intervenuta con fermezza presso il Ministero dello Sviluppo Economico per sollecitare la modifica della legge che sembra, tra l’altro, presentare profili di incostituzionalità poichè crea una barriera ingiustificata all’attività imprenditoriale, finendo per estromettere dal mercato migliaia di aziende: in particolare si chiede quindi che nel decreto legislativo vengano salvaguardati i diritti acquisiti (previsti dal Decreto ministeriale 37/08) degli installatori di impianti, non laureati o diplomati, che operano da anni sul mercato.

 

 

Shares