Categorie: HOME PAGE, news,

4 luglio 2012 - La news ha avuto 40 visite
Canone Rai per le imprese: aggiornamenti

Canone Rai per le imprese: aggiornamenti

 

Riportiamo di seguito le specifiche ricevute dalla Rai a seguito di nostre richieste di delucidazioni relativamente alla massiccia ripresa della “campagna abbonamenti”.

Oltre a stigmatizzare l’invio incondizionato di richieste di pagamento basato sulla “presunzione semplice” che l’impresa detenga un apparecchio sottoposto all’obbligo di pagamento del canone speciale, abbiamo richiesto delucidazioni sul pagamento del canone di abbonamento speciale per l’autoradio; dalla ricostruzione normativa da noi effettuata, infatti, risulterebbe che detto obbligo sia stato da tempo soppresso senza distinzione ed in modo incondizionato.

La Rai conferma la soppressione del canone di abbonamento per l’autoradio ai sensi della Legge 27/12/1997 n.449 art.17 comma 8 (“sono soppressi il canone di abbonamento all’autoradiotelevisione e la tassa di concessione governativa concernente l’abbonamento….. omissis”).

Tuttavia viene ribadito l’obbligo al pagamento del canone speciale per la detenzione di un apparecchio radio in locali aperti al pubblico o comunque fuori dall’ambito privato familiare (Art. 24 comma 14 “A decorrere dal 1 gennaio 1998 sono esonerati dal pagamento del canone di abbonamento e della relativa tassa di concessione governativa i detentori di apparecchi radiofonici purché collocati esclusivamente presso abitazioni private”).

Inoltre la RAI specifica che la società Concessionaria nell’informare le imprese dell’obbligo di corrispondere il canone di abbonamento speciale per il possesso nelle sedi delle attività commerciali (uffici, negozio, magazzini, esercizi pubblici etc.) di apparecchiature rispondenti ai requisiti indicati nella nota del Ministero dello Sviluppo Economico n. 12991 del 22/02/2012, non fa mai riferimento ad un canone per l’autoradio.Non sono stati forniti, invece, chiarimenti in ordine a tutte le altre fattispecie di richieste inviate dalla Rai alle imprese. Sarà nostra cura aggiornarvi sulle ulteriori novità oltre che sulle azioni che la Confartigianato deciderà di intraprendere.

 

Shares