Categorie: Edilizia, HOME PAGE, news,

21 marzo 2012 - La news ha avuto 36 visite
MANIFESTAZIONE REGIONALE PER L'EDILIZIA - ANCONA 19 MARZO 2012: Confartigianato ringrazia gli imprenditori artigiani per la loro partecipazione

MANIFESTAZIONE REGIONALE PER L’EDILIZIA – ANCONA 19 MARZO 2012: Confartigianato ringrazia gli imprenditori artigiani per la loro partecipazione

1332348474_fot3o.JPG,1332348465_foto2.JPG,1332348455_foto.JPG,1332348474_fot3o.JPG,1332348465_foto2.JPG,1332348455_foto.JPG,1332348474_fot3o.JPG,1332348465_foto2.JPG,1332348455_foto.JPG 

La crisi dell’ edilizia sta veramente preoccupando. Il settore è uno dei più importanti per la nostra economia ma anche per Confartigianato.

Insieme a tutte le organizzazioni artigiane, ai sindacati, a Confindustria ed a tutti gli ordini professionali del settore, Confartigianato ha partecipato con una propria delegazione lunedì 19 marzo alla manifestazione unitaria regionale indetta per sottoporre le difficoltà della categoria, le proposte e le richieste urgenti da sottoporre alla Regione Marche. Presenti per la Confartigianato il Responsabile Regionale dell’Area Categorie di Confartigianato Marche Franco Gattari, il Presidente Regionale dell’edilizia Bruno Crescimbeni, il responsabile provinciale della categoria degli edili Pacifico Berrè, oltre ad una folta delegazione di artigiani.

Queste sono state le richieste fatte dalla delegazione che è stata ricevuta dopo la manifestazione agli assessori regionali presenti Giannini, Luchetti, Canzian e Viventi:

– sblocco immediato dei pagamenti per lavori pubblici e prestazioni professionali eseguiti, con superamento del Patto di Stabilità attraverso la creazione di un fondo cha faccia fronte ai crediti delle imprese

 – rilancio degli investimenti, finalizzati alla realizzazione di lavori ed opere pubbliche necessari alla collettività ed immediatamente cantierabili, oltre che a interventi privati orientati alla tutela della sicurezza della collettività

–  superamento della stretta del credito, individuando meccanismi di selezione dei progetti che spingano le banche a finanziare l’economia reale a tassi di interesse contenuti anche per i professionisti

– tutela del lavoro in edilizia, prevedendo per i lavoratori che sono disoccupati o che sono in Cassa Integrazione, sia ulteriori ammortizzatori sociali in deroga che l’applicazione dell’intesa 31.3.2009 Regione Marche – Banche Organizzazioni Sindacali per anticipare i tempi di erogazione della Cassa Integrazione Prevedere ammortizzatori anche per i professionisti che non hanno nessuna tutela, né cassa integrazione

– impedire il raddoppio degli oneri di urbanizzazione, garantendo comunque che i proventi derivanti ai Comuni dagli stessi – così come quelli di provenienza IMU – vengano destinati non a spese correnti ma a finanziare lavori pubblici (ad esempio: interventi per la difesa del territorio dal rischio idrogeologico e sismico; recupero e messa in sicurezza ed efficientamento energetico del patrimonio edilizio pubblico; realizzazione di piani di manutenzione e di recupero urbano)

disapplicazione da parte dei Comuni della nuova IMU agli immobili invenduti delle imprese perché ciò vuol dire tassare il loro “magazzino”, con particolare attenzione alle imprese in crisi

–  creare fondi “reali” per realizzare politiche di housing sociale, così come promesso dalla Regione stessa da oltre due anni

semplificare le pratiche urbanistico-edilizie, riducendo i tempi di risposta per imprese, professionisti e cittadini proseguendo sulla strada dell’autocertificazione e dell’assunzione di responsabilità dei professionisti abilitati

– accelerare la messa in gara di opere pubbliche piccole e medie, con la “procedura negoziata” ad invito diretto

privilegiare nelle gare di appalto di lavori e di servizi di ingegneria e architettura l’affidamento con il metodo dell’offerta economicamente più vantaggiosa, mentre è indispensabile che gli organi di vigilanza compiano un monitoraggio delle offerte con ribassi superiori al 25%. Ciò per contrastare fenomeni di irregolarità e di illegalità del lavoro e per incentivare la qualità e sicurezza delle prestazioni e dei progetti. L’istituzione di una Stazione Unica Appaltante a livello regionale potrà concorrere a realizzare tale obiettivo

– rivedere la legge regionale del “Piano Casa”, su demolizioni-ricostruzioni ed ampliamenti edilizi per farla funzionare al meglio, rendendola effettivamente operativa

dare impulso alla riqualificazione urbana ed emanare una nuova legge regionale sul governo del territorio che guardi principalmente allo sviluppo e alla qualità urbana, architettonica e del prodotto edilizio, garantendo ad un tempo sicurezza sismica e prestazioni energetiche ottimali degli edifici.

affrontare le tematiche regionali irrisolte, per cui chiediamo agli amministratori della Regione Marche i seguenti provvedimenti urgentissimi:

1) un piano casa 3 per rilanciare l’edilizia con superamento del Protocollo ITACA e riduzione del 50% degli oneri dovuti ai Comuni; 2) riqualificazione urbana: rendere possibili le varianti in ampliamento senza aumento di cubatura; 3) pagamento dei lavori pubblici, con tempi “agganciati” a previsioni di pagamento secondo crono programma; 4) procedura negoziata senza pubblicazione del bando di gara: dare attuazione alla Determina n. 8 del 14.12.2011 dell’Autorità di Vigilanza dei Lavori Pubblici; 5) Osservatorio regionale Lavori Pubblici, strumento da realizzare come richiesto più volte dalle Associazioni.

 

Confartigianato ringrazia tutti gli imprenditori presenti alla manifestazione presso la Regione, che per la parte pubblica ha pienamente soddisfatto le aspettative.

 

Confartigianato ritiene inoltre che anche la Regione abbia colto la determinazione dimostrata, che dovrà essere confermata nei “tavoli” che gli Assessori intendono aprire, dove saranno verificate le loro reali intenzioni ed i tempi rapidi che l’attuale situazione richiede.

 

Non si escludono, con i soggetti organizzatori della manifestazione durante il prosieguo della vertenza,  sia altre iniziative che prese di distanza se giudicate necessarie.

 

 

In allegato le immagini della manifestazione

1332348474_fot3o.JPG,1332348465_foto2.JPG,1332348455_foto.JPG,1332348474_fot3o.JPG,1332348465_foto2.JPG,1332348455_foto.JPG,1332348474_fot3o.JPG,1332348465_foto2.JPG,1332348455_foto.JPG

 

Shares