Categorie: Alimentare, HOME PAGE, news,

10 agosto 2011 - La news ha avuto 64 visite
Rilevazione di Confartigianato. Il gelato non conosce crisi: 50 milioni di euro la spesa annua nella nostra regione, 78 euro a famiglia. Aumentano le gelaterie artigiane: + 2,9% nel 2011

Rilevazione di Confartigianato. Il gelato non conosce crisi: 50 milioni di euro la spesa annua nella nostra regione, 78 euro a famiglia. Aumentano le gelaterie artigiane: + 2,9% nel 2011

1312968516_gelato.jpg,1312968516_gelato.jpg,1312968516_gelato.jpg 

Al piacere di gustare tutto l’anno coni, sorbetti e coppette non si rinuncia. Merito della bontà del prodotto e anche del fatto che negli ultimi 12 mesi il gelato non ha fatto registrare aumenti di prezzo.

Secondo l’Ufficio studi di Confartigianato, che ha analizzato produzione e consumi di gelato, la spesa annua delle famiglie nella nostra regione si è attestata su 50 milioni di euro, con una media di 78 euro a famiglia, pari al 2,5 % della spesa annua nazionale. La rilevazione di Confartigianato mostra che sono i giovani adulti i maggiori consumatori di gelato. Il primato di spesa pro capite, pari a 67 euro all’anno, appartiene infatti ai single con meno di 35 anni. Seguono le giovani coppie senza figli (43 euro pro capite l’anno), mentre le coppie con 1 figlio spendono 33 euro pro capite l’anno.

Per soddisfare la richiesta aumenta anche il numero delle gelaterie artigiane: nel 2011 le gelaterie marchigiane sono ben 1004, con 2740 addetti, 2,7 per impresa, e dal 2010 sono cresciute del 2,9% .

L’incidenza nella nostra regione è di 64 gelaterie ogni 100.000 abitanti. La maggiore incidenza di gelaterie sulla popolazione è in parte determinata da una significativa quota di consumi da parte dei turisti.

 oltre 270 gusti di gelato. Ma – continua Meriggi – al di là delle miscele più o meno fantasiose rimane una certezza: quella del gelato artigiano è una ricetta semplice e genuina: soltanto latte, uova, zucchero e frutta. Rigorosamente freschi, senza conservanti ed additivi artificiali, e lavorati secondo le tecniche tradizionali senza insufflazione d’aria. Per quanto riguarda i gusti si rimane fedeli alle miscele classiche anche se è un piacere vedere le vetrine ricche, con molti gusti tra cui poter scegliere. Si è affezionati ai gusti semplici come: crema, cioccolato, nocciola, fragola. Inoltre, i gelatieri artigiani sono sempre più attenti a soddisfare particolari esigenze dietetiche o legate a intolleranze alimentari della clientela”.

 

 

UFFICIO STAMPA CONFARTIGIANATO IMPRESE MACERATA  

 

 

 

 

 

1312968516_gelato.jpg,1312968516_gelato.jpg,1312968516_gelato.jpg

 

Shares