Categorie: news,

20 luglio 2011 - La news ha avuto 16 visite
LA CULTURA NELL’ECONOMIA NAZIONALE VALE IL 5% DELLA RICCHEZZA PRODOTTA. Macerata al decimo posto

LA CULTURA NELL’ECONOMIA NAZIONALE VALE IL 5% DELLA RICCHEZZA PRODOTTA. Macerata al decimo posto

1311160226_PanoramaDimacerata.jpg,1311160226_PanoramaDimacerata.jpg 

E’ quanto emerge dallo studio condotto da Symbola, fondazione per le qualità italiane, nella pubblicazione “L’Italia che verrà. Industria culturale, made in Italy e territori” realizzato assieme ad Unioncamere e con l’apporto scientifico dell’IstitutoTagliacarne.

La cultura, o meglio l’industria culturale in senso lato, includendo in tale definizione non solo beni storico – artistici ma anche creatività ed innovazione che alimentano industria e soprattutto artigianato, frutta al Paese il 4,9% della ricchezza prodotta (pari a 68 miliardi di euro) e dà lavoro a circa un milione e mezzo di persone (il 5,7% dell’occupazione nazionale). L’originalità della ricerca sta proprio nel non limitare il campo d’osservazione ai settori tradizionali della cultura e dei beni storico-artistici, ma nel valutare quanto appunto contano cultura e creatività nel complesso delle attività economiche italiane nei centri di ricerca delle grandi industrie come nelle botteghe artigiane o negli studi professionali. Un approccio metodologico che include le industrie culturali propriamente dette (cinema, radio, televisione, animazione, videogiochi, musica, editoria), le industrie creative (architettura, comunicazione e branding, artigianato, design, made in Italy), il patrimonio storico-artistico architettonico ed infine performing art ed arti visive.

E, fa notare Confartigianato Imprese Macerata, la nostra provincia è ai primi posti della graduatoria nazionale: Macerata infatti occupa il 10° posto con 490 milioni di euro di valore aggiunto prodotto (il 6,7% della ricchezza prodotta in provincia) e 11.600 occupati (7,9% dell’occupazione provinciale). Da noi le industrie creative portano a casa il 67,2% del valore aggiunto del settore e quelle propriamente culturali quasi il 30% (29,5% per la precisione, terzo valore più alto nelle prime dieci classificate dopo Roma e Milano). Molto bene anche le arti visive che arrivano al 2,7% mentre il patrimonio storico-artistixco produce lo 0,6% della ricchezza provinciale.

<< Leggendo i dati sulla ricchezza e sull’occupazione prodotte dalla cultura – afferma Folco Bellabarba, Presidente Provinciale di Confartigianato Imprese Macerata – si comprende come la cultura non è solo passato ma è soprattutto presente, progresso, sostenibilità. Così come i nostri antenati hanno prodotto quegli elementi culturali di cui oggi andiamo fieri, altrettanto noi dobbiamo contribuire ad arricchire il capitale culturale dell’Italia a vantaggio delle generazioni future. E questo anche e soprattutto attraverso l’operato di migliaia di imprese, figlie della cultura e dei saperi propri del nostro territorio, i cui prodotti nascono dal connubio tra tradizione ed innovazione: e su questo terreno l’artigianato gioca un ruolo di primissimo piano. Sicuramente andrebbe sfatato quel luogo comune secondo cui “con la cultura non si mangia”: come si è visto dai dati sopra esposti l’industria culturale rappresenta, già oggi, parte significativa della produzione di ricchezza e dell’occupazione del nostro territorio; ma è soprattutto su di essa che vanno indirizzate risorse ed energie per implementare il suo ruolo fondamentale di motore per lo sviluppo del nostro territorio. Possiamo certamente non essere la provincia più ricca d’Italia, così come il nostro Paese certamente non è il più ricco d’Europa e del mondo, ma possiamo e dobbiamo puntare a diventare ciò che offre i maggiori standard di benessere, di conoscenza, di svago, di felicità. Il turismo non è un “optional” ma una impedibile, per noi, opportunità >>.

 

 

                                                                                                UFFICIO     STAMPA

                                                                            CONFARTIGIANATO IMPRESE MACERATA

 

 

1311160226_PanoramaDimacerata.jpg,1311160226_PanoramaDimacerata.jpg

 

Shares