Categorie: news,

3 maggio 2011 - La news ha avuto 24 visite
Alluvione: interventi di sostegno di Banca Marche e Banca Popolare di Ancona e istruzioni alle imprese per il risarcimento dei danni

Alluvione: interventi di sostegno di Banca Marche e Banca Popolare di Ancona e istruzioni alle imprese per il risarcimento dei danni

1300265012_Scheda_Sostegno_maltempo.pdf,1300264979_scheda_sintesi_iniziativa_maltempo.doc 

 

Banca Popolare e Banca Marche hanno messo a disposizione iniziative volte a sostenere le imprese (e nel caso di Banca Marche anche i privati) che hanno subito danni a seguito dei recenti eventi alluvionali.

Il plafond di Banca Popolare ammonta a 10 milioni di euro, ma è ampliabile visto che è stato messo a disposizione immediatamente a ridosso dell’evento calamitoso, quando ancora non c’era una quantificazione dei danni. Esso è destinato alla concessione di finanziamenti chirografari a tutti i clienti di rating 1-7, di importo massimo pari a 10.000€, a tasso fisso del 5% e con inter di delibera abbreviato.

Per i clienti con rating peggiori o per finanziamenti di importi superiori o garantiti dai confidi valgono le condizioni di convenzione.

Il plafond messo a disposizione di Banca Marche ammonta a 100 Milioni di euro e comprende tutte prestiti chirografari e fondiari. E’ previsto in particolare un micro prestito chirografario di importo massimo 10.000 € all’ Euribor 6 m + 1,50.

In allegato sono consultabili le schede di sintesi delle iniziative di Banca Popolare e Banca Marche volte a sostenere le imprese che hanno subito danni a seguito dei recenti eventi alluvionali.

Ricordiamo inoltre alle imprese, che, al fine di fronteggiare la situazione di emergenza,  è necessario  che sia fatta nel territori interessati una ricognizione puntuale e precisa dei danni subiti, ed a tal fine, in base anche all’esperienza di eventi purtroppo già verificatisi, vi ricordiamo che le Aziende interessate dovranno:

 

  1. avere, per danni superiori a 25.000,00 euro, una perizia giurata o stragiudiziale redatta da un professionista abilitato iscritto al rispettivo Ordine o Collegio;
  2. avere una asseverazione da parte dell’Ufficio tecnico del Comune Competente che  attesti che l’azienda ricade nel territorio alluvionato;
  3. fornire i dati relativi alla propria attività, elenco dei macchinari  impianti e attrezzature danneggiate, descrizione del danno alle strutture, elenco della quantità delle merci distrutte deperite o deperibili, il numero dei giorni di sospensione dell’attività e la misura del mancato reddito prodotto, l’importo globale del  danno subito, eventuale indennizzo assicurativo.

 

            (vedere DGR Regione Marche n. 4/CDA del  30/10/2006  valida allo stato)

                       

Tutto quanto sopra è di fondamentale importanza per stimare i danni subiti in ogni territorio, quantificare l’entità dei  contributi, facilitare e proporre soluzioni per  la ricerca delle risorse finanziarie necessarie, ma anche per i successivi possibili ristori delle imprese danneggiate.

 

 

 

1300265012_Scheda_Sostegno_maltempo.pdf,1300264979_scheda_sintesi_iniziativa_maltempo.doc

 

Shares