Categorie: news,

4 aprile 2011 - La news ha avuto 18 visite
Confartigianato: "Dallo Statuto delle Imprese rivoluzione copernicana: le piccole imprese al centro dello sviluppo"

Confartigianato: "Dallo Statuto delle Imprese rivoluzione copernicana: le piccole imprese al centro dello sviluppo"

1300895197_parlamento.jpg,1300895197_parlamento.jpg  

Nel mondo siamo il Paese con la più alta densità di piccole imprese, ma anche con il maggior numero di ostacoli alla libertà d’iniziativa economica. L’On. Raffaello Vignali, primo firmatario della Statuto delle imprese, ha avuto il coraggio di proporre una rivoluzione copernicana che mette le micro e piccole imprese al centro dell’iniziativa politica e delle strategie di sviluppo del Paese".

E’ così che Confartigianato ha commentato l’approvazione dello Statuto delle imprese da parte della Camera. L’Associazione apprezza "l’impegno e la determinazione dell’On. Vignali per costruire norme che riconoscono e valorizzano il ruolo e il contributo all’economia delle nostre 4.223.639 micro e piccole aziende. Nell’Ocse, l’Italia è il Paese con il maggior numero di piccole imprese, ha il record di occupati nelle aziende  manifatturiere con meno di 20 addetti e ricava la maggior quota di Pil proprio dalle Pmi".

Nelle misure dello Statuto si ritrovano infatti molte indicazioni di Confartigianato. Tra le più innovative, la realizzazione di un Rapporto annuale sulle PMI da inviare al Presidente del Consiglio, come avviene negli Stati Uniti, l’analisi preventiva dell’impatto della regolazione sulle Pmi, l’applicazione di criteri di gradualità e proporzionalità in occasione dell’introduzione di nuovi adempimenti, la semplificazione nei rapporti con la Pubblica Amministrazione. Confartigianato apprezza inoltre "la riserva del 60% degli incentivi alle Pmi di cui almeno il 25% è destinato alle micro e piccole imprese". Fa rilevare poi "l’ampia e trasversale condivisione della proposta di legge da parte dei parlamentari firmatari dell’iniziativa. L’approvazione unanime della proposta di legge, che porta le firme bipartisan di deputati di maggioranza e opposizione dimostra che l’Italia è unita nel considerare le piccole imprese un patrimonio da valorizzare".

Confartigianato auspica  infine un iter parlamentare rapido per la proposta di legge che deve dare presto i suoi frutti : " Per restituire fiducia a cittadini e imprenditori, per far crescere il Paese, servono nuove scelte economiche e culturali che pongano la piccola impresa al centro degli interventi per rilanciare la competitività".

1300895197_parlamento.jpg,1300895197_parlamento.jpg

 

Shares