Categorie: Benessere, HOME PAGE, news,

24 settembre 2010 - La news ha avuto 22 visite
Confartigianato Benessere commenta la notizia del sequestro avvenuto a Corridonia di cosmetici non a norma

Confartigianato Benessere commenta la notizia del sequestro avvenuto a Corridonia di cosmetici non a norma

 

 

E’ di pochi giorni fa la notizia del sequestro da parte della Guardia di Finanza di cosmetici ed attrezzature per l’estetica avvenuto in un negozio cinese di via dell’ Industria nella zona industriale di Corridonia.

Oggetto del sequestro, avvenuto dopo un blitz della Finanza, sono stati, oltre a giocattoli fatti con prodotti chimici cancerogeni e non a norma Ce, cosmetici senza indicazione di composizione né data di scadenza, oltre ad elettrostimolatori senza indicazione di voltaggio.

Un caso che fa tornare alla ribalta il tema dell’abusivismo e della contraffazione, attualmente uno dei problemi chiave del mondo del benessere. Tema su cui Confartigianato Imprese Macerata Benessere interviene con decisione.

<Un problema grave – afferma Ivan Caterbetti, Presidente Regionale Benessere Confartigianato –  legato al non rispetto di norme di fondamentale importanza, quali il rispetto dei requisiti igienici e di sicurezza dei locali e per gli addetti, nonché la vendita di prodotti adeguati e rispettosi della salute del consumatore. Chi opera abusivamente aggira infatti norme e requisiti causando forti penalizzazioni alle imprese in regola, distorsione della concorrenza e, soprattutto, danni alla salute dei consumatori>.

Rossetti e ciprie senza indicazione di composizione e senza data di scadenza, elettrostimolatori senza indicazione di voltaggio, questo lo spettacolo che i finanzieri si sono trovati dinanzi al momento del blitz: <Di fronte ai fatti di recente accaduti – commenta Agnese Latini,  Presidente Regionale delle Estetiste di Confartigianato – voglio fortemente ribadire che chi vende deve avere la responsabilità di ciò che espone, garantendo requisiti igienico-sanitari tali da generare qualità e sicurezza. Da professionisti dell’estetica – continua la Presidente Latini – ci mettiamo dalla parte dei consumatori, che vogliamo educare ad un acquisto sicuro, poiché il cliente deve sempre chiedere e ottenere le giuste garanzie per l’utilizzo di prodotti, siano essi apparecchiature elettromeccaniche a scopo estetico, che devono rispondere a determinate regole di costruzione e di utilizzo, o cosmetici,  che devono essere realizzati con sostanze non nocive e che rispettino il benessere della pelle. Tutto ciò per la tutela della propria salute. Un consumatore più informato sul mondo dell’estetica e del benessere può inoltre instaurare un rapporto più proficuo di fiducia e collaborazione con noi professionisti >.

<Un fenomeno, quello della contraffazione – conclude il Presidente Caterbetti –  che deve essere a tutti i costi combattuto con la collaborazione di Enti, Istituzioni, Associazioni di categoria e Forze sociali circa una fattiva comune partecipazione a questa battaglia. Per questo motivo vogliamo esprimere i nostri più vivi ringraziamenti alla Guardia di finanza per il suo operato e per l’impegno nel contrastare, debellare o almeno circoscrivere un fenomeno che, purtroppo, è sempre più diffuso>. 

UFFICIO STAMPA CONFARTIGIANATO IMPRESE MACERATA

 

Shares