Categorie: Comunicazione e servizi innovativi, news,

20 luglio 2010 - La news ha avuto 40 visite
Firma protocollo conciliazione paritetica tra Enel e Confederazioni delle PMI

Firma protocollo conciliazione paritetica tra Enel e Confederazioni delle PMI

1279035265_EnelRegolamento.pdf,1279035207_EnelComunicato20Stampa_720luglio2010.pdf,1279035265_EnelRegolamento.pdf,1279035207_EnelComunicato20Stampa_720luglio2010.pdf,1279035265_EnelRegolamento.pdf,1279035207_EnelComunicato20Stampa_720luglio2010.pdf 

Lo scorso 7 luglio il presidente Giorgio Guerrini, insieme agli altri presidenti delle Confederazioni delle PMI (CNA, Confagricoltura, Confapi, Confcommercio e Confesercenti) ha sottoscritto un accordo con Enel Spa per avviare la procedura di conciliazione paritetica su base volontaria delle controversie con i clienti business dell’elettricità e del gas sia del servizio di maggior tutela, sia del mercato libero, aderenti alle Confederazioni.

Il protocollo si prefigge l’obiettivo di offrire alle associazioni territoriali uno strumento per la risoluzione delle numerose controversie esistenti tra la società Enel, in materia di erogazione di energia elettrica e gas e le imprese associate a Confartigianato.

Le piccole e medie imprese che potranno avvalersi della procedura di conciliazione sono:

–           i clienti elettrici del mercato libero, di quello di maggior tutela e della Salvaguardia, che hanno stipulato contratti di fornitura di energia elettrica per uso non domestico;

–           i clienti gas, che hanno stipulato contratti di fornitura gas con consumo effettivo di gas nell’anno precedente l’avvio delta Procedura non superiore a 200.000 mc.

L’accordo sottoscritto riguarderà, in una prima fase, otto tipi di controversie relative sia al settore elettrico che a quello del gas:

–                      gestione della riduzione di potenza o del distacco della fornitura per morosità;

–                      fatture di importi anomali rispetto alla media di quelli fatturati al cliente nei due anni precedenti;

–                      ricostruzione dei consumi a seguito del malfunzionamento del contatore;

–                      consumi presunti in acconto elevati ed anomali rispetto alla media dei consumi;

–                      gestione della rateizzazione per bollette particolarmente elevate, di conguaglio e non;

–                      gestione della rateizzazione e dei rimborsi per bollette di conguaglio;

–                      ri-fatturazioni, ossia gestione della rateizzazione e dei rimborsi in seguito al ricalcolo di fatture errate;

–                      doppia fatturazione.

L’iniziativa vedrà l’organizzazione da parte di Enel S.p.A. di corsi di formazione da realizzarsi presso una sede dell’Enel localizzata nel capoluogo di Regione per la formazione in materia di conciliazione paritetica delle controversie in materia di energia elettrica e gas.

I corsi partiranno subito dopo il periodo estivo affinché si possa partire con la sperimentazione già dal 1° gennaio 2011. Tutti i dettagli del protocollo, regolamento e fase attuativa saranno presentati nel primo Gruppo Nazionale Energia di settembre.

Il progetto, di natura sperimentale su un territorio campione (Lombardia, Emilia Romagna e Puglia), avrà una durata di circa sei mesi al fine di testare l’efficacia della procedura e valutare eventuali modifiche alla stessa ed al Regolamento attuativo.

L’obiettivo è quello di consentire agli sportelli energia territoriali di risolvere i reclami insoluti delle imprese associate attraverso la formazione di uno sportellista.

Il progetto, quindi potrebbe rappresentare un servizio aggiuntivo per le associazioni in termini di tutela dell’associato, ed un’occasione di formazione per il personale interno alle associazioni sulle tematiche connesse con la liberalizzazione dei mercati energetici.

 

 

 

 

 

1279035265_EnelRegolamento.pdf,1279035207_EnelComunicato20Stampa_720luglio2010.pdf,1279035265_EnelRegolamento.pdf,1279035207_EnelComunicato20Stampa_720luglio2010.pdf,1279035265_EnelRegolamento.pdf,1279035207_EnelComunicato20Stampa_720luglio2010.pdf

 

Shares