Categorie: Fiscale, news,

28 aprile 2010 - La news ha avuto 53 visite
CONFARTIGIANATO : AL VIA I NUOVI CORRETTIVI DEGLI STUDI DI SETTORE

CONFARTIGIANATO : AL VIA I NUOVI CORRETTIVI DEGLI STUDI DI SETTORE

1271858664_MINISTERO.jpg,1271858664_MINISTERO.jpg,1271858664_MINISTERO.jpg 

 

La Commissione degli esperti sugli studi di settore nella riunione del 31 marzo scorso ha dato via libera alle nuove tipologie di correttivi per adeguare gli studi di settore alla situazione economica registrata nel 2009, che si è rivelata negativa in modo trasversale su tutti gli ambiti con impatti più accentuati nel settore manifatturiero.

La Commissione ha pertanto recepito le nostre ripetute sollecitazioni volte ad un adeguamento degli studi di settore applicabili all’anno 2009. I nuovi correttivi sono il frutto di un accorto monitoraggio degli effetti della crisi, basato sulla raccolta di informazioni fornite dalla nostra e da altre organizzazioni della piccola impresa, informazioni a loro volta incrociate con i risultati delle analisi effettuate dai più autorevoli istituti di ricerca e con i dati delle comunicazioni annuali Iva 2010.

Le elaborazioni sono state effettuate su un panel di 2 milioni di contribuenti che hanno applicato gli studi di settore nel quadriennio appena trascorso (2006 – 2009).

A tal proposito va sottolineato che solo attraverso la raccolta dei dati relativi ai bilanci 2009, a cui ha attivamente partecipato anche Confartigianato Imprese Macerata, la Sose ha potuto avere un riscontro diretto della crisi sulle micro e piccole imprese e, pertanto, calibrare l’intervento.

Tre i tipi di intervento previsti: quello relativo all’analisi di "normalità economica" per i soggetti che presentano una contrazione dei ricavi/compensi: in particolare viene modificata la durata delle scorte e la rotazione del magazzino, tenendo conto di merci e prodotti invenduti a seguito della contrazione delle vendite; quello concernente i "correttivi congiunturali di settore", che interessano tutti i soggetti non congrui: viene introdotto un fattore di correzione applicato ad ogni singolo cluster in relazione alla contrazione dei margini ed al minor utilizzo degli impianti; quello infine che introduce i "correttivi congiunturali individuali" per i soggetti non congrui che presentano una riduzione dei ricavi/compensi dichiarati nel 2009: in questo caso i coefficienti congiunturali strutturali e territoriali dovrebbero permettere di cogliere il grado di crisi registrato dal singolo soggetto.

I nuovi correttivi approvati troveranno concreta applicazione sulle dichiarazioni da presentare nel 2010 ed il riscontro del loro corretto funzionamento si avrà con la versione aggiornata del software Gerico 2010.

Comunque la prova del nove circa la bontà degli interventi messi in campo si avrà solo in sede di dichiarazione dei redditi. E in questa sede Confartigianato monitorerà continuamente la situazione onde eventualmente intervenire sull’Agenzia delle Entrate per segnalare criticità che potrebbero emergere, intervento finalizzato al riconoscimento delle problematiche stesse e volto altresì a prevenire, da parte dell’Agenzia stessa, la convocazione ad eventuali inviti al contraddittorio di contribuenti non correttamente inquadrati dagli studi di settore.

                                                                                      UFFICIO     STAMPA

                                                                 CONFARTIGIANATO IMPRESE MACERATA

1271858664_MINISTERO.jpg,1271858664_MINISTERO.jpg,1271858664_MINISTERO.jpg

 

Shares