Categorie: HOME PAGE, Moda, news,

25 novembre 2009 - La news ha avuto 114 visite
LEGGE SUL MADE IN ITALY: DI MADE IN ITALY NE ESISTE UNO SOLO! PARERE LEGALE DELLA CONFARTIGIANATO IMPRESE MACERATA

LEGGE SUL MADE IN ITALY: DI MADE IN ITALY NE ESISTE UNO SOLO! PARERE LEGALE DELLA CONFARTIGIANATO IMPRESE MACERATA

 

Il c.d. decreto Ronchi, con cui all’art.16 si prevede la difesa del prodotto "Made in Italy", è stato convertito in legge la scorsa settimana. Il provvedimento contiene importanti novità che vanno ad incidere sulla difesa del "Made in" e chiarisce definitivamente il suo significato, in sintonia con il pensiero di tutte quelle piccole imprese  rappresentate dalla Confartigianato, associazione da sempre in prima linea sulla difesa del marchio Italia e nella lotta alle false certificazioni.

In primo luogo si punta a far sì che i prodotti di origine italiana siano veramente tali  e non solo etichettati in questo modo entrando in porto o passando le frontiere. In secondo luogo si vuole evitare che prodotti realizzati anche parzialmente all’estero da aziende italiane siano messi in circolazione nel nostro Paese con l’indicazione "made in Italy" o altre indicazioni  che tendano, agli occhi del consumatore, ad accreditare un’origine interamente italiana della merce. I contenuti della norma sono chiari e non consentono fraintendimenti:  il prodotto che vorrà essere chiamato Italiano (Made in Italy) dovrà essere << ideato, realizzato e confezionato in Italia >>.

Del  resto è il primo comma del citato articolo che definisce il "made in Italy" e non lascia spazio nessuna interpretazione ingannevole. Circolano invece, anche sulla stampa, delle letture distorte del provvedimento che generano confusione sia sulle imprese sia sui consumatori, del tipo che "made in Italy" è anche quel prodotto in parte realizzato all’estero e che la norma istituisce un secondo marchio che sarebbe il "100% made in italy". Niente di più falso !!! Made in italy in italiano si traduce "fatto in Italia" e non anche "fatto parzialmente in Italia" o " ideato in Italia, realizzato all’estero e imballato in Italia". Di "Made in Italy" ne esiste solo uno!!! Anche se la norma non dovrebbe lasciare spazio alcuno a questi tentativi di "annacquare" il provvedimento, la Confartigianato Imprese Macerata ha chiesto, a conferma della sua tesi, un parere al proprio ufficio legale il quale ha ratificato "in toto" quanto sopra affermato: << …La norma non lascia spazio ad intepretazioni, per fregiarsi del marchio Made in Italy TUTTE le fasi di produzione del bene devono essere compiute sul territorio italiano >>. Punto.

Le sanzioni sono elevate:  è prevista l’applicazione dell’art. 517 del codice penale che prevede l’arresto fino ad un  anno aumentato di un terzo, una sanzione amministrativa pecuniaria che va da 10.000 a 250.000 euro e la confisca dei prodotti  riportanti fallaci indicazioni di vendita (salvo la possibilità da parte del titolare o licenziatario di "sanare" il prodotto a sua cura e spese).

Altro  aspetto interessante è  che l’art.16  conferma che la soglia di punibilità è anticipata al momento della presentazione della merce in dogana per l’immissione in consumo o in libera pratica e sino alla vendita al dettaglio. Ciò significa che se un’azienda riesce a sdoganare il prodotto "ingannevole"  e questo viene immesso sul mercato, qualsiasi persona (commerciante, consumatore, concorrente, ecc.) può far valere l’applicazione della legge e quindi delle succitate sanzioni.  

Concludendo, il principio di fondo è che il "made in Italy", per poter essere definito tale, deve avere tutta la produzione da noi e dove invece questo non avviene deve esserci una "visibile" certificazione di origine "diversa", al fine di non indurre il consumatore a ritenere che il prodotto o la merce sia di origine italiana e ad evitare qualsiasi fraintendimento del consumatore sull’effettiva origine del prodotto.

UFFICIO   STAMPA  CONFARTIGIANATO  IMPRESE  MACERATA

                                                                                       

                                                                               

 

 

Shares