Categorie: Moda, news,

30 settembre 2009 - La news ha avuto 44 visite
Doppia vittoria per la battaglia di Confartigianato: al via stagione di valorizzazione del vero made in Italy

Doppia vittoria per la battaglia di Confartigianato: al via stagione di valorizzazione del vero made in Italy

1254306341_MADE_IN_ITALY_300X204.jpg,1254306341_MADE_IN_ITALY_300X204.jpg,1254306341_MADE_IN_ITALY_300X204.jpg <p align="justify"><font size="2">Si apre una stagione di valorizzazione del nostro patrimonio manifatturiero, dell&rsquo;arte di saper fare prodotti d&rsquo;eccellenza&rdquo;.<br />Il Presidente di Confartigianato Imprese Macerata Folco Bellabarba commenta positivamente il provvedimento sul made in Itay pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 25 settembre 2009. &ldquo;Non soltanto &ndash; spiega – &egrave; stato sventato il tentativo di ridurre le tutele del made in Italy, ma si sono poste le basi per valorizzare la qualit&agrave; del &lsquo;ben fatto&rsquo; in Italia. Il Governo ha recepito le nostre sollecitazioni, confermando il principio dell&rsquo;art. 17 della legge 99/2009 che difende chi investe, produce e d&agrave; lavoro in Italia e obbliga il produttore a dichiarare l&rsquo;origine dei prodotti quando questi siano fatti interamente all&rsquo;estero e possano essere confusi con prodotti italiani. Si tratta di un principio da tempo consolidato in Paesi come gli Stati Uniti, il Giappone e l&rsquo;India&rdquo;.<br />Bellabarba, nell&rsquo;apprezzare l&rsquo;impegno del Governo, sottolinea, in particolare, &ldquo;la fermezza del Ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola contro i tentativi di bloccare una norma fortemente sollecitata da Confartigianato a difesa della qualit&agrave; del &lsquo;saper fare&rsquo; delle nostre imprese, dell&rsquo;antica tradizione produttiva profondamente radicata nei territori del nostro Paese e capace di rinnovarsi per dare vita a soluzioni tecnologiche d&rsquo;avanguardia&rdquo;.<br />&ldquo;Inoltre – aggiunge il Presidente Bellabarba &ndash; anche grazie alla sensibilit&agrave; manifestata dal Ministro per la Semplificazione Normativa Roberto Calderoli, si rafforza e si amplia la tutela del made in Italy, gettando le basi del marchio volontario 100% made Italy. Anche in questo caso &egrave; stata recepita una proposta di Confartigianato che era stata fatta propria dal Presidente del Consiglio Berlusconi il quale ne aveva annunciato l&rsquo;introduzione a giugno scorso durante la nostra Assemblea&rdquo;.<br />&ldquo;Paradossalmente &ndash; spiega il Segretario Generale di Confartigianato Cesare Fumagalli – la crisi ha dato un frutto buono: l&rsquo;avvio di un impegno comune per far conoscere ed apprezzare il significato del vero made in Italy, vale a dire la storia manifatturiera del nostro Paese, l&rsquo;orgoglio, la passione, l&rsquo;abilit&agrave;, la competenza di 480.000 artigiani e piccoli imprenditori che producono davvero soltanto in Italia, che danno lavoro a 1.900.000 addetti e realizzano un valore aggiunto di 58 miliardi, il pi&ugrave; alto in Europa. Sono tutt&rsquo;altro che una minoranza, sono il 93% delle imprese manifatturiere italiane, sono il cuore del made in Italy che significa economia reale, reddito, occupazione, benessere, sviluppo per tutti. Dietro al vero made in Italy ci sono queste nostre imprese che costituiscono una risorsa creativa contro l’omologazione dei gusti, sono straordinario esempio del &lsquo;su misura&rsquo; e del &lsquo;fuori serie&rsquo;, rappresentano la difesa della memoria, dell’identit&agrave; e delle diversit&agrave; del Paese&rdquo;.<br />&ldquo;I consumatori &ndash; aggiunge Bellabarba &ndash; hanno il diritto di poter riconoscere e scegliere il vero made in Italy che significa il pregio del ‘pezzo’ unico, il lusso quotidiano degli oggetti di uso comune, la perfezione &lsquo;su misura&rsquo;. Hanno il diritto di sapere che, acquistando un prodotto italiano, possiedono un pezzo di storia del nostro Paese, possiedono la qualit&agrave; del saper fare che il mondo ci invidia, fatta di storia, creativit&agrave;, flessibilit&agrave;. Confartigianato continuer&agrave; a battersi per la trasparenza del mercato e affinch&eacute; il consumatore possa riconoscere la provenienza e la qualit&agrave; dei prodotti. Continueremo a batterci perch&eacute; resti in Italia e venga tutelato il patrimonio manifatturiero che l&rsquo;ha resa grande nel mondo&rdquo;.</font></p><p align="justify"><br /><font size="2">Per venerd&igrave; 09 ottobre 2009 alle ore 21,00 &egrave; stata programmata una riunione del Comparto Moda presso la sede Confartigianato imprese di Civitanova Marche sita in via Civitanova n&deg; 80 per discutere il seguente ordine del giorno:</font></p><p align="justify"><br /><font size="2">1)&nbsp;Proroga bando regionale per l&rsquo;incentivazione ai campionari innovativi.</font></p><p align="justify"><font size="2">2)&nbsp;Risultati e dati relativi al MICAM .</font></p><p align="justify"><font size="2">3)&nbsp;Aggiornamenti relativi alla legge 99/09 &ldquo;Made in Italy&rdquo;.</font></p><p align="justify"><font size="2">4)&nbsp;Attivit&agrave; e progetti per le politiche sindacali comparto moda con particolar rilievo per le imprese conto terzi.</font></p><p align="justify"><font size="2"></font></p><p align="justify"><font size="2">Per informazioni:</font></p><p align="justify"><a href="mailto:p.capponi@macerata.confartigianato.it"><font size="2">p.capponi@macerata.confartigianato.it</font></a></p><p align="justify"><font size="2">0733.366285</font></p>

1254306341_MADE_IN_ITALY_300X204.jpg,1254306341_MADE_IN_ITALY_300X204.jpg,1254306341_MADE_IN_ITALY_300X204.jpg

 

Shares