Categorie: Autotrasporto, news,

15 settembre 2009 - La news ha avuto 116 visite
La scheda di trasporto: ulteriori chiarimenti ministeriali

La scheda di trasporto: ulteriori chiarimenti ministeriali

 

Utilizzo di copie delle schede di trasporto
La scheda di trasporto deve essere portata a bordo del veicolo in originale. Tuttavia, poichéquesto documento assume, nell.ambito del trasporto di cose in conto terzi, la valenza giuridica di una scrittura privata, si ritiene siano ad esso applicabili le disposizioni dell.art. 2719 CC che dispone che, nei rapporti tra privati, le copie fotografiche, i fax e le riproduzioni informatiche di un documento, valgono come l’originale a meno non vengano disconosciute da chi si sostiene abbia sottoscritto l’originale del documento.
Per questo motivo, in occasione di un controllo stradale, il documento può essere esibito anche in copia, non autenticata, realizzata sia direttamente dal documento cartaceo originale che della stampa di un documento trasmesso al vettore per via fax o per via telematica.

Documenti in caso di trasporto di cose a carico completo dirette a destinatari diversi
Allo scopo di tenere in adeguata considerazione le esigenze operative che sono state rappresentate per operazioni di trasporto più complesse, si precisa che, sulla scheda di trasporto relativa al trasporto di cose a carico completo, caricate in un unico luogo sullo stesso veicolo e spedite da un unico mittente, e dirette a diversi destinatari o che devono essere scaricate in luoghi diversi, l’indicazione delle cose trasportate e dei relativi luoghi di carico o scarico, può essere effettuata anche attraverso un generico riferimento ai documenti che, nell’ambito della prassi commerciale, accompagnano le merci dal luogo di raccolta a quello di destinazione (ad esempio: bolle di consegna, ecc).
In tali casi, perciò, fermo restando il restante contenuto della scheda di trasporto o degli eventuali documenti equipollenti o sostitutivi, la verifica delle cose trasportate e del rispetto delle disposizioni dei luoghi di carico e scarico è compiuta dagli organi di controllo attraverso i predetti documenti commerciali che, a tutti gli effetti, accompagnano ed integrano il contenuto dei documenti di trasporto.

Impiego di sub-vettori
Quando, per l.esecuzione del trasporto, un vettore a cui è stato affidato dal committente l’incarico si avvale di altri vettori, con cui ha stipulato altri contratti di trasporto (sub-vettori), il vettore stesso assume, rispetto alla porzione di trasporto affidata al sub-vettore, la veste di committente.
Quest’ultimo deve, perciò, redigere una nuova scheda di trasporto, essendo impossibile la modifica o l’integrazione di quella redatta dall’originario committente per la prima operazione di trasporto.

Utilizzo di consorzi di imprese di trasporto
Quando incaricato del trasporto sia un consorzio di imprese di autotrasporto, iscritto nell’apposita sezione speciale dell’Albo degli autotrasportatori, che, per effettuare le relative operazioni, si avvale di un’impresa consorziata, il consorzio medesimo è tenuto ad indicare sulla scheda di trasporto, nel campo. Osservazioni varie, il nominativo dell’impresa consorziata che materialmente effettua il trasporto ed il relativo numero di iscrizione all’Albo degli autotrasportatori.
Analoghe considerazioni valgono per le società cooperative di autotrasportatori.

Conservazione della scheda di trasporto
La scheda di trasporto esaurisce la sua funzione con il completamento del trasporto a cui si riferisce. La vigente normativa, infatti, non prevede che essa sia conservata dopo il trasporto.
Quando vengono utilizzati documenti sostitutivi od equivalenti, restano salvi gli obblighi di conservazione previsti dalle disposizioni che ne disciplinano la compilazione e la tenuta.

Documenti per il trasporto internazionale di cose
Si conferma che i vettori stranieri impegnati in trasporti internazionali sul territorio italiano sono tenuti a compilare e conservare i documenti che, secondo le norme comunitarie o internazionali che regolano il trasporto, devono essere presenti a bordo del veicolo.
Ciò posto, si precisa che i vettori – italiani e stranieri- che effettuano un trasporto internazionale di cose in conto terzi, non sono tenuti a compilare la scheda di trasporto, in quanto, tale obbligo grava solo in capo a chi effettua il trasporto in ambito nazionale.

 

PER INFORMAZIONI: Giorgio Menichelli 0733-366301 – 335-7207390 – www.macerata.confartigianato.itwww.confartigianatotrasp.it 

 

 

Shares