Categorie: news,

1 agosto 2009 - La news ha avuto 40 visite
Manovra anticrisi estiva. l'analisi di Confartigianato

Manovra anticrisi estiva. l’analisi di Confartigianato

1248171792_palazzo_chigi2.jpg,1248171792_palazzo_chigi2.jpg 

Disco verde del Consiglio dei Ministri alla manovra anticrisi estiva, che adesso passa all’esame delle Camere. Nel corso di un’audizione parlamentare, il Presidente di Confartigianato Imprese, Giorgio Guerrini, ha espresso i dubbi e le certezze di un settore produttivo che sta cercando di rispondere ad una crisi in cui è stata risucchiata.

“Il decreto legge anticrisi contiene misure che cercano di rispondere all’attuale situazione di difficoltà in cui versano le micro e piccole imprese. Il Governo ha agito in modo concreto per fronteggiare alcuni aspetti della crisi con provvedimenti in materia fiscale e di lavoro. Ora, però, servono altri interventi utili a consolidare la ripresa economica”.
Un commento agrodolce quello del Presidente di Confartigianato Imprese, Giorgio Guerrini, chiamato ad esprimere il giudizio dell’artigianato, del commercio e delle piccole imprese davanti ai parlamentari della Commissione Bilancio e Finanze della Camera dei Deputati.
A nome di Confartigianato, ma anche di Casartigiani, CNA, Confcommercio e Confesercenti, il Presidente Giorgio Guerrini ha commentato positivamente alcune delle iniziative in materia fiscale, come “la detassazione del 50% degli investimenti effettuati dalle imprese”, e le misure che puntano ad “ampliare e rafforzare l’impatto degli interventi a sostegno dell’autoimprenditorialità per i lavoratori che beneficiano degli ammortizzatori sociali in deroga”.
Nonostante le convinzioni del Ministro dell’Economia e delle Finanze, Giulio Tremonti, e del Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che ha sottolineato come la manovra “sia una spinta all’economia”, capace di “mettere le imprese italiane e tutto il sistema produttivo nelle condizioni migliori per agganciare la crisi”, Giorgio Guerrini ha passato in rassegna l’intera manovra mostrando ai deputati dubbi ed incertezze legati ai più recenti provvedimenti anticrisi adottati dal Governo.
Approvata il 26 giugno dal Consiglio dei Ministri, la manovra anticrisi estiva dovrebbe superare l’esame del Parlamento in tempi record, non più tardi di cinque o sei settimane. Per l’imminente interruzione estiva e perché le micro e piccole imprese non possono più affrontare una crisi economico-finanziaria che ha rotto gli argini dell’economia reale mettendo in difficoltà quella che oggi più che mai rappresenta la “spina dorsale” del Paese.
Di seguito l’analisi dei principali interventi previsti dalla manovra.
– FISCO –
DETASSAZIONE DEGLI UTILI REINVESTITI IN MACCHINARI
– Escluso dall’imposizione sul reddito di impresa il 50% del valore degli investimenti in macchinari ed apparecchiature effettuati dal 1° luglio 2009 al 30 luglio 2010. Rientra nell’ambito dell’agevolazione la maggior parte dei macchinari utilizzati dalle imprese artigiane. Esclusi dal beneficio gli autoveicoli, i rimorchi e i semirimorchi utilizzati dagli autotrasportatori.
Ai fini del contrasto dell’elusione, l’articolo 5 prevede la revoca dell’incentivo se “l’imprenditore cede a terzi o destina i beni oggetto degli investimenti a finalità estranee all’esercizio di impresa prima del secondo periodo di imposta successivo all’acquisto”.
In sede di conversione del Decreto legge, Confartigianato auspica che l’agevolazione venga estesa a tutti i beni acquisiti dalle imprese. La limitazione dell’agevolazione ai soli beni compresi nella divisione 28 della tabella ATECO appare, infatti, troppo limitativa.
ACCELERAZIONE DELL’AMMORTAMENTO DEI BENI D’IMPRESA – Saranno rivisti entro il 31 dicembre 2009, i coefficienti di ammortamento relativi ai beni ad avanzata tecnologia o che producono risparmio energetico che le imprese potranno scontare in tempi più brevi. Tale revisione sarà compensata con diversi coefficienti per i beni industrialmente meno strategici.
INCREMENTO DELLE COMPENSAZIONI DEI CREDITI FISCALI – A partire dal 1° gennaio 2010 le imprese potranno compensare debiti e crediti fiscali fino al limite massimo di 700.000 euro. Per contrastare gli abusi, introdotte regole più stringenti per l’utilizzo dell’istituto: la compensazione del credito annuale, o relativa a periodi inferiori all’anno dell’Iva, per importi che eccedono i 10.000 euro annui, potrà avvenire solo successivamente alla presentazione dalle dichiarazioni dalle quali il credito emerge. Con riferimento specifico alla compensazione dei crediti Iva di importo superiore ai 10.000 euro l’anno, il decreto impone al contribuente l’utilizzo dei servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate e l’apposizione del visto di conformità rilasciato da commercialisti e consulenti del lavoro. A seguito dell’azione sindacale di Confartigianato le nuove regole entreranno in vigore solo con il nuovo anno così da evitare le disparità di trattamento con i contribuenti che hanno già ‘compensato’. La Confederazione concorda con la necessità di evitare gli abusi mediante l’utilizzo in compensazione di crediti Iva inesistenti; allo stesso tempo giudica eccessivi e onerosi i nuovi adempimenti burocratici introdotti dal Governo. A tal riguardo Confartigianato ha sollecitato l’introduzione di una modifica al testo per limitare l’apposizione del visto di conformità alle sole ipotesi in cui l’importo compensato superi i 50.000 euro.
CONTRASTO AI PARADISI FISCALI – Non si tratta chiaramente di una norma pensata per le piccole imprese, ma il potenziamento delle attività per scovare gli evasori nei paradisi fiscali, secondo Confartigianato è pienamente condivisibile. Una misura convincente che completa il quadro delle iniziative del Governo per contrastare l’evasione a 360°.
RATEIZZAZIONE DELL’IVA DA ADEGUAMENTO AGLI STUDI DI SETTORE – Il Governo accoglie una richiesta di Confartigianato e introduce la rateizzazione dei pagamenti ai fine Iva per i soggetti che si adeguano agli studi di settore. Con il comunicato stampa del 2 luglio l’Agenzia delle Entrate ha precisato che tale possibilità potrà essere fruita per i versamenti dell’imposta già a partire dalla scadenza del 6 luglio 2009.
– POLITICHE ECONOMICHE –
ARRIVANO LE REGOLE PER LA VALUTA DI ASSEGNI E BONIFICI –
Giudizio positivo di Confartigianato sulla disposizione che detta nuove regole alle banche definendo la tempistica obbligatoria della valuta e della disponibilità di assegni e bonifici. A decorrere dal 1° novembre 2009 la data di valuta per il beneficiario di bonifici, assegni circolari e bancari non dovrà mai superare rispettivamente uno, due e tre giorni lavorativi successivi alla data del versamento. Per i medesimi titoli, sempre a decorrere dal prossimo 1° novembre, la data di disponibilità economica per il beneficiario non potrà mai superare, rispettivamente, quattro, quattro e cinque giorni lavorativi successivi alla data di versamento. Dal 1° aprile 2010, infine, la data di disponibilità economica non potrà mai superare, comunque, i quattro giorni per tutti i titoli. Dichiarata nulla ogni pattuizione contraria.
RITORNA IL ‘MASSIMO SCOPERTO’ ANCHE SE CON UN TETTO – Il Governo fissa alcuni precisi paletti alle richieste dalle banche in tema di massimo scoperto, senza però cancellare la commissione come invece previsto in precedenza: l’ammontare del corrispettivo omnicomprensivo delle commissioni richieste dagli istituti di credito non potrà superare il tetto dello 0,5%, per trimestre, dell’importo dell’affidamento, pena la nullità del patto di remunerazione. Rispetto alle prime anticipazioni, la misura contenuta nel Decreto licenziato dal Consiglio dei Ministri è piuttosto timida. Manca la norma che avrebbe dichiarato nulli tutti i ‘codicilli’ imposti ai clienti in sostituzione della “commissione di massimo scoperto” abolita dal D.L 185/2008. Sul tema, Confartigianato è gia intervenuta presso il Ministro dell’Economia Giulio Tremonti, e ora interverrà nuovamente in sede di conversione del provvedimento per stimolare la presentazione di emendamenti volti a introdurre la regola generale della nullità di tutte le clausole contrattuali che hanno per oggetto tale commissione e ogni altra clausola con lo stesso scopo o finalità.
LA SURROGAZIONE DEL MUTUO NON SI PERFEZIONE IN UN MESE? IL CLIENTE È RISARCITO – Tempi duri per le lungaggini burocratiche degli istituti di credito. Il testo del Decreto recita: “Nel caso in cui la surrogazione del mutuo non si perfezioni entro il termine di 30 giorni dalla data della richiesta del debitore, la banca cedente è comunque tenuta a risarcire il cliente in misura pari all’1% del valore del mutuo per ciascun mese o frazione di mese di ritardo”. La disposizione incassa il giudizio favorevole della Confederazione.
ENERGIA – Il titolo dell’articolo 3 anticipa tagli alla bolletta dei piccoli consumatori: “Riduzione del costo dell’energia per imprese e famiglie”. Il provvedimento, in realtà, contiene misure di più ampio respiro che secondo il legislatore dovrebbero favorire e promuovere la liberalizzazione del mercato all’ingrosso del gas. Dubbi della Confederazione sull’efficacia dei meccanismi previsti per ridurre i costi energetici dei piccoli consumatori e per garantire condizioni di reale concorrenza nel mercato del gas. In assenza di modifiche, infatti, le nuove misure andrebbero a privilegiare le imprese energivore, escludendo di fatto quelle piccole e medie con bassi consumi.
TEMPI DI PAGAMENTO DELLE PA – Un intero articolo del Decreto, il numero 9, è dedicato a rendere più tempestivi i pagamenti delle Pubbliche Amministrazioni per “somministrazioni, forniture, appalti”. Prevista entro dicembre 2009 l’adozione delle “più opportune misure”. La scelta del Governo di intervenire sull’annosa questione dei ritardi di pagamento della P.A. secondo Confartigianato è sicuramente positiva. Ma l’intervento rappresenta solo un primo passo perché le criticità da risolvere sono profonde. Le misure programmatiche si limitano a rimettere alle amministrazioni l’individuazione di ‘opportune’ misure organizzative. Ancora non basta.
– LAVORO E PREVIDENZA –
FORMAZIONE PER I CASSAINTEGRATI –
I lavoratori in cassa integrazione potranno rientrare in azienda per corsi di formazione o riqualificazione. Si legge nell’articolo 1 del decreto: “Al fine di incentivare la conservazione e la valorizzazione del capitale umano nelle imprese nell’eccezionale periodo di crisi, in via sperimentale per gli anni 2009-2010 i lavoratori già destinatari di trattamenti di sostegno al reddito di rapporto di lavoro, possono essere utilizzati dall’impresa di appartenenza in progetti di formazione o riqualificazione che possono includere attività produttiva connessa all’apprendimento”. L’inserimento del lavoratore nel progetto avviene in base a un accordo specifico tra le parti sociali stipulato presso il ministero del Lavoro. Ai lavoratori spetta, oltre al trattamento di cassa integrazione (80% dello stipendio), anche la differenza tra trattamento di sostegno al reddito e retribuzione, che è a carico dell’azienda. Secondo l’interpretazione di Confartigianato la norma riguarda anche i lavoratori sospesi dalle imprese artigiane che usufruiscono del trattamento di disoccupazione con integrazione a carico deli enti bilaterali, o del trattamento di cassa integrazione in deroga dei contratti di solidarietà.
RIFINANZIATE LE PROROGHE CIG A 24 MESI – Il comma 5 dell’articolo 1 provvede a rifinanziare con 25 milioni di euro le proroghe a 24 mesi della Cassa integrazione straordinaria per cessazione di attività per il 2009, a valere sul Fondo per l’occupazione e la formazione.
SALE L’INTEGRAZIONE SALARIALE PER I CONTRATTI DI SOLIDARIETÀ – Limitatamente al biennio 2009-2010 – e in via sperimentale -, l’integrazione salariale per i contratti di solidarietà aumenta nella misura del 20% del trattamento perso a seguito della riduzione di orario nel limite massimo di 40 milioni di euro, per il 2009, e di 80 per il 2010.
BENEFICI PER I LAVORATORI IN CIG CHE AVVIANO UNA ATTIVITÀ AUTONOMA – Introdotta una misura a favore dell’autoimprenditorialità: previsti incentivi per i lavoratori già in cassa integrazione che avviano un’attività autonoma, una micro impresa, o che si associano in cooperativa. Il lavoratore che accede al beneficio, a prescindere dalla tipologia di trattamento a cui ha diritto, deve dimettersi dall’impresa di appartenenza prima dell’erogazione dello stesso. La misura, per Confartigianato, è certamente positiva. Ma per ampliarne e rafforzarne l’effetto è necessario completarla con altre forme di agevolazioni contributive, fiscali e creditizie oltre che con misure di semplificazione amministrative.
– AMBIENTE –
C’È ANCORA TEMPO PER IL PASSAGGIO DALLA TARSU ALLA TIA –
Nuova proroga per l’adozione da parte del Ministero dell’Ambiente, della Tutela del territorio e del Mare, del regolamento che disciplina la Tariffa igiene ambientale che slitta dal 30 giugno al 31 dicembre 2009. La TIA, che costituisce l’ ‘evoluzione’ della Tassa sui rifiuti solidi urbani (TARSU) richiede agli Enti locali un approccio sistematico ai problemi dell’ambiente e lo sviluppo di una progettualità ecologicamente virtuosa. Introdotta nel 1999 dal Decreto Ronchi, la sua entrata in vigore è già stata prorogata più volte.
REGISTRO DEI PRODUTTORI DI PILE E ACCUMULATORI – Slitta al prossimo 18 settembre l’obbligo per i produttori/imprenditori di pile e accumulatori di iscrizione nell’apposito registro.
– SEMPLIFICAZIONI AMMINISTRATIVE –
RIPARTE IL CONTO ALLA ROVESCIA PER LA COM.UNICA
– Si allontana l’entrata in vigore della “Comunicazione Unica per la nascita dell’impresa” . Per effetto della disposizione contenuta nel provvedimento del Governo, a partire da 1° ottobre si avvierà nuovamente il periodo di sperimentazione di sei mesi al termine del quale la ComUnica entrerà a regime, divenendo l’unica modalità di iscrizione, variazione e cancellazione di un’impresa ai fini fiscali, assistenziali e contributivi nonché al Registro delle imprese.

 

1248171792_palazzo_chigi2.jpg,1248171792_palazzo_chigi2.jpg

 

Shares