Categorie: news,

4 febbraio 2009 - La news ha avuto 31 visite
Decreto anti crisi - Il Presidente Bellabarba: "La direzione è quella giusta, ma ora occorre ridurre pressione fiscale e costo del lavoro"

Decreto anti crisi – Il Presidente Bellabarba: "La direzione è quella giusta, ma ora occorre ridurre pressione fiscale e costo del lavoro"

1233762158_governo.jpg,1233762158_governo.jpg 

Il decreto anti crisi va nella direzione giusta. Ma non è sufficiente per consentire alle imprese di affrontare la crisi”.
Il Presidente di Confartigianato Imprese Macerata comm. Folco Bellabarba conferma il giudizio positivo sulle misure approvate dal Parlamento ma sottolinea la necessità di interventi più incisivi per ridurre la pressione fiscale, per diminuire il costo del lavoro e per migliorare le condizioni di accesso al credito.
Sul fronte fiscale, secondo Bellabarba “al di là dei meccanismi di accertamento attraverso gli studi di settore, ora bisogna concentrare gli sforzi per diminuire il carico tributario che grava sulle imprese”. Analogo impegno è sollecitato dal Presidente Bellabarba “al fine di abbattere le aliquote contributive e fiscali che pesano sul costo del lavoro. Un obiettivo che si potrà raggiungere con interventi di detassazione al secondo livello di contrattazione”.
Sul versante dell’accesso al credito, il Presidente di Confartigianato ritiene “indispensabile rendere rapidamente utilizzabili dagli imprenditori le norme che potenziano le garanzie erogate dai Consorzi fidi”.
Tra le misure del decreto, Confartigianato apprezza in particolare la norma, fortemente sollecitata dalla Confederazione, che ripristina le agevolazioni del 55% per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio, il provvedimento che consente di pagare l’Iva al momento dell’incasso della fattura, la rivalutazione dei beni immobili d’impresa.
Positivo poi il giudizio di Bellabarba sui provvedimenti che rilanciano gli ammortizzatori sociali e che recepiscono il modello artigiano di sostegno al reddito. “Per l’artigianato e la piccola impresa, grazie agli interventi sugli ammortizzatori sociali che valorizzano la bilateralità, di fatto nasce un sistema alternativo alla cassa integrazione. E si completa la riforma del modello contrattuale dell’artigianato siglata lo scorso novembre da Confartigianato, dalle altre Confederazioni artigiane e da Cisl e Uil”.

1233762158_governo.jpg,1233762158_governo.jpg

 

Shares