Categorie: HOME PAGE, Lavoro, news, patronato INAPA,

17 settembre 2008 - La news ha avuto 61 visite
Lavoro e previdenza: le novità della manovra economica

Lavoro e previdenza: le novità della manovra economica

 <p><font size="2"><strong>CUMULO LAVORO-PENSIONI &ndash;</strong> Abolito a decorrere dal 1&deg; gennaio 2009 il divieto di cumulo tra pensioni e redditi di lavoro dipendente e autonomo, sia per le pensioni liquidate con il metodo retributivo, sia per quelle liquidate con il metodo contributivo.</font></p><p><font size="2"><strong>INDICI DI CONGRUIT&Agrave; DELLA MANODOPERA</strong> &ndash; Abrogati gli indici di congruit&agrave; della manodopera impiegata nelle opere o nei servizi.</font></p><p><font size="2"><strong>APPRENDISTATO &ndash;</strong> In materia di apprendistato, si prevede che, in caso di formazione esclusivamente aziendale, venga affidato alla contrattazione collettiva, anche territoriale, o agli enti bilaterali, il compito di definire i profili formativi dell&rsquo;apprendistato professionalizzante e la nozione di formazione aziendale e di determinare, per ciascun profilo formativo, le modalit&agrave; di erogazione della formazione, di riconoscimento della qualifica professionale ai fini contrattuali e di registrazione nel libretto formativo. Eliminato il limite minimo di durata di due anni dell&rsquo;apprendistato professionalizzante.</font> </p><p align="justify"><font size="2"><strong>TESSERA DI RICONOSCIMENTO IN APPALTI E SUB APPALTI</strong> &ndash; Abolita la sanzione amministrativa da 2.500 a 10.000 euro per i datori di lavoro che occupano in appalti e sub appalti lavoratori privi della tessera corredata da fotografia e generalit&agrave;.</font></p><p align="justify"><font size="2"><strong>DIMISSIONI VOLONTARIE &ndash;</strong> Cancellata la norma che imponeva l&rsquo;utilizzo di moduli ministeriali per le dimissioni volontarie.</font></p><p align="justify"><font size="2"><strong>LAVORO INTERMITTENTE &ndash;</strong> Ripristinata la precedente disciplina.</font></p><p align="justify"><font size="2"><strong>LAVORO PART-TIME -</strong> Abrogate le penalizzazioni contributive per i lavori part-time inferiori alle 12 ore settimanali.</font></p><p align="justify"><font size="2"><strong>CONTRATTO A TERMINE</strong> &ndash; E&rsquo; stato chiarito che i contratti a tempo determinato possono essere stipulati anche per far fronte ad esigenze ordinarie di produzione. Inoltre la normativa scioglie i principali dubbi interpretativi in materia: in caso di illegittimit&agrave; del contratto a termine il datore non sar&agrave; pi&ugrave; tenuto ad assumere a tempo indeterminato il lavoratore. Inoltre la normativa, con riferimento ai soli giudizi in corso alla data di entrata in vigore della Legge di conversione n. 133, e fatte salve le sentenze passate in giudicato, stabilisce che in caso di illegittimit&agrave; del contratto a termine il datore di lavoro potr&agrave; essere condannato unicamente ad indennizzare il prestatore di lavoro con un’indennit&agrave;, in luogo dell’obbligo di dell’assunzione a tempo indeterminato.</font></p><p align="justify"><font size="2"><strong>VISITA MEDICA PREASSUNTIVA PER APPRENDISTI &ndash;</strong> Abolita.</font></p><p align="justify"><font size="2"><strong>REGISTRO ORARIO DELL&rsquo;AUTOTRASPORTO</strong> &ndash; Abolito.</font></p><p align="justify"><font size="2"><strong>LIBRI PAGA E MATRICOLA</strong> &ndash; Aboliti i libri paga e matricola e contestuale abrogazione della sanzione amministrativa da 4.000 a 12.000 euro in caso di omessa istituzione e esibizione degli stessi. Prevista l&rsquo;istituzione del Libro unico del lavoro: esibizione obbligatoria anche a mezzo fax o posta elettronica. Tale modalit&agrave; &egrave; prevista anche nel caso di imprese con una pluralit&agrave; di sedi operative o con cantieri. </font></p><p align="justify"><font size="2"><strong>ORARIO DI LAVORO -</strong> Tra le novit&agrave; si segnala l’importante modifica alla disciplina del riposo settimanale. Da ora in poi al principio di 24 ore consecutive di riposo settimanale ogni 6 giorni di lavoro si affianca un altro principio che consente al datore di lavoro di chiedere al lavoratore di godere di 2 giorni nell’arco di un periodo di 14 giorni.</font></p><p align="justify">&nbsp;</p><p align="justify"><font size="2">Per informazioni:</font></p><p align="justify"><a href="mailto:c.marincioni@macerata.confartigianato.it"><font size="2">c.marincioni@macerata.confartigianato.it</font></a><br /><font size="2">Tel. 0733366412</font></p><p align="justify"><a href="mailto:t.bonfigli@macerata.confartigianato.it"><font size="2">t.bonfigli@macerata.confartigianato.it</font></a><br /><font size="2">Tel. 0733.366411</font></p><p align="justify"><font size="2"></font></p>

 

Shares