Categorie: Autoriparazione, HOME PAGE, news,

6 agosto 2008 - La news ha avuto 56 visite
Sicurezza stradale:i consigli di Confartigianato autoriparazione per un check-up prima di partire.

Sicurezza stradale:i consigli di Confartigianato autoriparazione per un check-up prima di partire.

 

Prima della partenza è consigliabile sottoporre la propria vettura ad una accurata verifica manutentiva

1. Verificare i livelli di:

–  Olio motore

È sempre opportuno verificare periodicamente il livello del lubrificante poiché potrebbero verificarsi perdite improvvise da qualche guarnizione di tenuta.
Non aggiungete lubrificante in eccesso, se il livello supera la tacca di massimo c’è il rischio di danni al motore o al catalizzatore.

–  Freni

In genere le automobili hanno una spia luminosa che segnala la mancanza delliquido dei freni, però si possono fare anche delle verifiche visive aprendo il cofano.
In genere non è necessario integrare il liquido freni perché è normale che il livello scenda con il
consumo delle pastiglie. Comunque è opportuno fare attenzione poiché, se il liquido scende sotto il livello minimo, l’azione dei freni può essere gravemente compromessa.

2. Verificare il livello e la qualità del liquido di raffreddamento del motore

Per i rabbocchi si può utilizzare normale acqua del rubinetto però è opportuno sostituire il liquido di raffreddamento almeno ogni quattro anni o secondo le indicazioni del libretto d’uso e manutenzione.
Ogni 2 anni è consigliabile far controllare il liquido per verificare che non sia troppo diluito o
invecchiato perché potrebbe non offrire più una adeguata protezione anticorrosione e antigelo con il rischio di danneggiare gravemente il motore.
Talvolta è necessario effettuare una decalcificazione se l’acqua introdotta nel radiatore è ricca di
calcare. La cattiva circolazione del liquido di raffreddamento all’interno del radiatore provoca un deterioramento della guarnizione della testata.

3. Se necessario cambiare il filtro dell’olio, dell’aria e del combustibile

Filtro dell’olio mantiene alta nel tempo la qualità dell’olio lubrificante poiché trattiene la polvere, lo sporco e piccoli frammenti di metallo che si potrebbero trovano nel circuito di lubrificazione.
La sostituzione ordinaria del filtro dell’aria permette di mantenere in efficienza il motore e di ridurre il consumo dicarburante.
Inoltre una corretta miscela di aria e carburante permette di minimizzare le emissioni inquinanti.

A cosa serve il filtro dell’aria.

Trattiene le particelle di polvere che si trovano nell’aria e quindi protegge dall’abrasione le parti del motore in movimento.

RICORDA!
Il filtro dell’olio va sostituito ad ogni cambio dell’olio

RICORDA!
Non aprire il serbatoio dell’acqua se il motore è ancora caldo perché c’è il rischio di ustionarsi.
Il liquido potrebbe essere ancora sotto pressione e la temperatura all’interno del serbatoio ancora
alta. In caso di emergenza o nel caso fosse comunque necessario aprire il tappo del radiatore, prestare molta attenzione e aiutarsi con uno straccio così da lasciare sfogare la pressione nel circuito; solo dopo svitare completamente il tappo e toglierlo.

Filtro del combustibile: trattiene le particelle di sporcizia sospese nel carburante con l’obiettivo di limitare i guasti dei pezzi del motore in funzionamento. I filtri del gasolio trattengono anche eventuali tracce d’acqua presenti nel combustibile.

4. Verificare lo stato della cinghia di distribuzione

Se l’automobile ha percorso più di 30.000 km e nel caso non fosse in ottimo stato, si consiglia di cambiarla. La rottura della cinghia in marcia potrebbe causare dannigravissimi al blocco motore!

5. Controllare l’usura delle spazzole tergicristallo e verificare il livello del liquidolavavetri.

Le spazzole tergicristallo, anche se poco usate, invecchiano nel tempo perché possono essere danneggiate anche dai raggi del sole e dal ghiaccio.
Ricordare poi di riempire la vaschetta del "liquido lavavetro": mai usare le spazzole se il vetro è
asciutto per evitare di rovinarne la gomma.

6. Se necessario sostituire il filtro per l’aria dell’abitacolo

Con il tempo l’efficacia del filtro nell.assorbimento degli inquinanti si attenua. Inoltre,poiché il filtro s’intasa progressivamente, diventa uno ostacolo alla circolazione stessa dell’aria.
Nel caso di un filtro intasato, per poter comunque garantire una buona circolazione di aria si tende
ad aumentare la velocità della ventola con la conseguenza di avere più rumore nell’abitacolo e solo una leggera diffusione di aria dalle bocchette.

EFFETTI NEGATIVI

–  riduzione efficienza di assorbimento nel tempo
–  ostacolo alla circolazione dell’aria
–  maggiori consumi
–  aumento della rumorosità interna dell’abitacolo

IMPORTANTE PERCHÈ l’auto prende l’aria dall’esterno e,soprattutto in caso di lunghe code,sono proprio le sostanze nocive presenti negli scarichi della vettura che precede che tendono a penetrare nell’abitacolo.
In auto, quindi, le concentrazioni di inquinanti sono decisamente superiori rispetto all’ambiente esterno.

SOSTITUIRE LE SPAZZOLE SE:

1. Sul vetro rimangono:

–  zone non asciutte
–  piccole linee d’acqua

2. Se compaiono rumori durante l’uso

Se hai un impianto ad iniezione verifica sistematicamente lo stato del filtro del gasolio perché l‘eventuale presenza di acqua nel combustibile può provocare costosi danni alla pompa e agli iniettori.

7. Controllare lo stato di usura e la pressione dei pneumatici

La pressione delle gomme va controllata periodicamente senza dimenticare la ruota di scorta.
Con un battistrada consumato lo spazio di arresto del veicolo aumenta notevolmente.
Il sistema frenante, infatti,ha prestazioni ottimali se gli ammortizzatori ed i pneumatici sono in
buono stato.
Verificare, quindi, il consumo del battistrada e l’usura dei fianchi dei copertoni.
Il controllo delle gomme è necessario anche se la macchina è stata ferma per un lungo periodo. I
copertoni, infatti, si possono essere ovalizzati a causa del peso stesso dell’auto.
Infine adattare la pressione di gonfiaggio al carico della vettura, seguendo le indicazioni
riportate dal costruttore. E’ sempre meglio avere una gomma a pressione più elevata di quella minima consigliata piuttosto che trovarsi una gomma a pressione troppo bassa.

8. Verificare lo stato di salute dell’impianto di climatizzazione

Opportuno il controllo annuale dell’impianto di climatizzazione e nel caso ricaricare il fluido refrigerante per evitare una scarsa efficienza dell’impianto di raffreddamento (e con la tendenza di posizionare la ventola al massimo si ha la conseguenza di aumentare il rumore interno della vettura e i consumi). Qualora si formino cattivi odori nell’impianto (a causa della presenza di batteri nell’evaporatore, ossidazione del metallo,depositi di tabacco se si ha l’abitudine di fumare in auto), rivolgersi agli installatori che dispongono di prodotti specifici per lavare e deodorare l‘interno dell’evaporatore.

9. Controllare fari e luci

Verificare periodicamente l’effettivo funzionamento di tutte le lampadine. Ricorda di regolare al minimo (tramite apposito interruttore) l’inclinazione dei proiettori, per evitare di abbagliare le automobili che incroceremo lungo la strada.

10. Verificare documentazione e strumenti di emergenza

Prima di partire, infine, verificate se avete a bordo il libretto di circolazione, il certificato d’assicurazione ed eventualmente la carta verde (se si va in alcuni paesi esteri).
Ricorda anche il triangolo di segnalazione, il giubbetto rifrangente, il crick e chiave per i bulloni delle ruote.

CAUSE DI MANCATO FUNZIONAMENTO DELLE LUCI
–  Lampadine fulminate
–  Contatti elettrici difettosi
–  FusibilI interrottI

POSSIBILI ANOMALIE
–  Formazione di batteri
–  Cattivi odori

RICORDA!
È pericolosissimo viaggiare con copertoni in non perfette condizioni

RICORDA!
Viaggiare con i pneumatici sgonfi fa aumentare il consumo di carburante, peggiora la tenuta di
strada e la possibilità di controllare l’auto in caso di emergenza, inoltre, con il tempo danneggia i pneumatici stessi.

Per informazioni:

f.meriggi@macerata.confartigianato.it

Tel. 0733.366228

 

Shares