Categorie: Edilizia, Eventi,

6 marzo 2008 - La news ha avuto 126 visite
I numeri dell’edilizia nella provincia di Macerata

I numeri dell’edilizia nella provincia di Macerata

 

Il settore edilizio cresce ed è sempre più capofila dell’imprenditoria artigiana nella Provincia di Macerata: nel 2007 è stata registrata la presenza di 3.523 imprese artigiane dell’edilizia, con una crescita del 12,2 % rispetto al 2004. Un mercato, quello delle costruzioni, in cui nell’ultimo anno si sono alternati momenti di  flessioni e di crescita, e che vede in quello della bioedilizia il segmento di mercato strategico per il prossimo futuro.
E’ quanto è emerso dal convegno “Artigiani costruttori di sviluppo” , organizzato dalla Confartigianato Imprese Macerata e tenutosi sabato 1 marzo presso la sede della Provincia, alla presenza di molti ospiti tra cui l’assessore provinciale ai Lavori Pubblici Francesco Vitali, il presidente Consea ( Consorzio Edili e affini) Bruno Crescimbeni, il segretario Nazionale Anaepa (Associazione Nazionale Edili Pittori e affini) Stefano Bastianoni, il dirigente Settore Patrimonio ed Edilizia Stefania Ribaldi, il responsabile dell’Ufficio Studi di Confartigianato Imprese Enrico Quintavalle ed il segretario provinciale di Confartigianato Imprese Macerata Giuliano Bianchi.
< L’artigianato – ha affermato Enrico Quintavalle – tira le fila del settore edilizio provinciale, che, pur tra alti e bassi, in questi anni è cresciuto in maniera tumultuosa: tra il 2000 e il 2007 il comparto delle costruzioni ha segnato infatti un aumento del 34,1% trainando la crescita del 6,9 % dell’artigianato. Un comparto, quello edilizio, che vede inoltre le imprese artigiane protagoniste delle dinamiche di occupazione: Macerata è infatti la 5° provincia in Italia per peso del lavoro autonomo nel settore: 55,3% contro il 37,5% della media nazionale>.
Spostandosi invece sul versante delle tendenze di mercato, il 2007 è stato per l’edilizia un anno di chiaroscuro, con alternanza di momenti di flessione ma anche di crescita.  < Il mercato edilizio provinciale – ha continuato Quintavalle – ha senza dubbio risentito nel corso dell’anno appena trascorso della crescita dei tassi di interesse sui mutui, in salita negli ultimi due anni di 1,9 punti. L’effetto è stato infatti quello, in particolare nell’edilizia residenziale privata, di scoraggiare le compravendite.
Altro dato interessante da rilevare è invece quello relativo alle richieste di incentivi per ristrutturazioni, che se nelle Marche sono cresciuti solo della metà rispetto alla media nazionale (32,2% contro il 67,5%), anche a Macerata mostrano un profilo di crescita nel 2007 decisamente più contenuto rispetto alle altre province della Regione, raggiungendo un 3,5%, contro il 15,9% di Ascoli Piceno, il 10,3% di Ancona e il 5,9 % di Pesaro Urbino. Segnale che evidenzia l’esistenza di un grande potenziale rispetto a questo strumento, che sicuramente va incrociato con altre tipologie di interventi adeguati alle esigenze del territorio>.

< L’edilizia rappresenta nel nostro Paese il 1° settore economico in termini di valore aggiunto – ha detto Stefano Bastianoni, segretario Nazionale Anaepa – e continua a vantare nella provincia di Macerata un ruolo di impulso e di crescita economica, in gran parte attraverso la componente artigiana. E’ un mondo che si è trasformato in questi anni e che cambierà ancora. L’obiettivo a cui tendere per promuovere sempre più la crescita delle imprese del settore è in primo luogo quello dell’aggregazione, attraverso cui le micro-imprese possano acquisire la capacità e la stabilità per affrontare i grandi appalti. Inoltre è necessario puntare sempre più su scelte strategiche orientate su un segmento di mercato in forte sviluppo, quello legato   alla bioedilizia e quindi ad una nuova cultura del vivere e dell’abitare maggiormente sostenibile, frontiere di certo percorribili per una crescita e un innalzamento della qualità e della professionalità del lavoro, che rappresentano per noi veri imperativi del settore>.

< Dieci anni fa molte imprese edili artigiane maceratesi hanno scelto di unirsi con coraggio  e determinazione per dare vita al Consea, creando forza e legami stabili e strutturati – ha ricordato in chiusura il segretario di Confartigianato Imprese Macerata Giuliano Bianchi – oggi l’artigianato continua a crescere e con esso l’edilizia, che pur dovendosi misurare con alcune difficoltà, mostra di avere in sé grandi professionalità e di collaborare con successo con gli enti territoriali, seguendo la strada della competenza, della formazione e della qualità del servizio, caratteri questi, indispensabili per guardare con fiducia al futuro>.

Al termine del convegno, in occasione del decennale della fondazione del Consea, Consorzio Edili ed affini, sono state consegnate targhe ricordo ai soci fondatori e ad alcuni dipendenti del consorzio.

Il segretario provinciale di Confartigianato Imprese Macerata Giuliano Bianchi ha infine ricevuto una targa ricordo speciale dalle mani del presidente del Consea Bruno Crescimbeni.

UFFICIO STAMPA CONFARTIGIANATO IMPRESE MACERATA

 

 

Shares