Categorie: Benessere,

20 dicembre 2007 - La news ha avuto 49 visite
Bruno Giusti: artigiano e comunicatore con il cuore

Bruno Giusti: artigiano e comunicatore con il cuore

 Dai saloni di bellezza all’impegno nella comunicazione della salute    . E’ emozionato Bruno Giusti, parrucchiere storico a Macerata, laureando in Scienze della Comunicazione e volontario da 25 anni dell’Airc, mentre parla della sua recente partecipazione alla prestigiosa “Conferenza sulla comunicazione per la salute”, la riunione scientifica di tutti i ricercatori italiani e internazionali attivi nel campo della medicina. <La mia presenza in questa occasione – continua Giusti – rappresenta un traguardo personale e professionale che mi riempie di soddisfazione e orgoglio , perché coniuga la grande passione per il mio lavoro di parrucchiere, che svolgo ormai da oltre quarant’anni, alla vocazione nei confronti dell’attività di aiuto e sostegno a chi attraversa momenti difficili per motivi di salute”. Una vocazione, la sua, che già 25 anni fa aveva portato il parrucchiere a diventare socio dell’Airc e a fondare il comitato regionale dell’associazione, e che due anni fa lo ha spinto a lavorare insieme al primario oncologo dell’Asur 9 di Macerata Luciano Latini per la realizzazione del progetto “Ritorno alla Bellezza”. Un’idea, quest’ultima, che si è concretizzata dando vita ad un servizio di assistenza offerta settimanalmente alle pazienti oncologiche che sono costrette ad affrontare la chemioterapia : Giusti, con la sua lunga esperienza di professionista dell’acconciatura, guida queste donne nella scelta del taglio di capelli, in modo da rendere quasi impercettibile il cambiamento fisico legato alla calvizie, ed apportando così vantaggi sia psicologici che clinici. < E’ stato durante un cena che sono stato letteralmente conquistato dall’entusiasmo e dalla grande energia del professor Luciano Latini : mentre mi raccontava del suo reparto, raccontando con estrema dolcezza e trasporto per i suoi pazienti, è scattato in me qualcosa che mi ha fatto chiedere: c’è per me un modo attraverso il quale poter dare un apporto concreto a queste persone? Ed è così, con molta naturalezza ma insieme tanta voglia di fare, che è nato questo progetto ed è cresciuto via via, fornendo un aiuto reale ad un numero sempre maggiore di persone>. Un progetto, quello di “Ritorno alla bellezza”, che ha fatto strada fino ad arrivare a conoscenza del professor Egidio Moja, direttore del Centro universitario di ricerca sugli aspetti comunicativo – relazionali in medicina dell’Università di Milano. E proprio dal docente è arrivato l’invito a partecipare alla prestigiosa conferenza milanese.Toscano di nascita ma negli anni in giro per il mondo con la sua professione, che lo ha portato ha raggiungere traguardi importanti, Bruno Giusti non riesce a trattenere l’amore smisurato che ha per il suo lavoro: < Quella di parrucchiere, anzi di barbiere, poiché è con questa accezione che, pur essendo demodè preferisco identificarmi – dal 2006 la voce non è più citata nel registro delle camere di commercio n.d.r.- < è una professione che può essere definita “mitica” > spiega . . Proprio su questo tema , nel 2006 Bruno Giusti ha tenuto presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione di Macerata alcune lezioni inerenti al corso di Storia Contemporanea dal titolo “ L’acconciatura nei secoli. La fine di un mito”. < Oggi questa professione ha in un certo senso perso la sua dimensione di mito – continua – < ma resta un lavoro che, come tutti quelli manuali è enormemente ricco di creatività e che se lo si ama riesce a dare grandi soddisfazioni . Io sono barbiere per tradizione : mio nonno è stato infatti il primo barbiere dell’Isola d’Elba, e confesso con un po’ di narcisismo che per me questa è una delle professioni più belle al mondo. Per questo mi piace insegnare ai giovani quello che so fare ed incentivarli ad accostarsi a questo mestiere, che, come noto attimo per attimo nella mia attività presso il reparto oncologico maceratese, diventa tanto più bello quanto più lo si fa con il cuore>.

 

Shares