Categorie: news,

7 novembre 2007 - La news ha avuto 63 visite
ENOGASTRONOMIA: Confartigianato Imprese Macerata in fiera a Bologna alla ricerca di nuovi mercati

ENOGASTRONOMIA: Confartigianato Imprese Macerata in fiera a Bologna alla ricerca di nuovi mercati

 

Confartigianato Macerata continua la propria campagna di tutela e promozione dei prodotti "italiani"di qualità.

Questa volta lo ha fatto sostenendo la presenza di 6 aziende artigiane aderenti al Consorzio "Ars Habilis" a due appuntamenti importanti quali il "Merano International WineFestival & Culinaria" e "Alimentarti", salone dell’artigianato alimentare italiano organizzato alla Fiera di Bologna.

Alcune delle nostre eccellenze enogastronomiche avranno quindi, in questo lungo week-end, un’importante vetrina per farsi conoscere ed apprezzare da un pubblico e da un mercato interessato a prodotti di qualità. Un pubblico (quello di "Alimentarti") e, soprattutto un mercato (a Merano), vista la grande presenza di importatori ed operatori del settore, anche straniero.

<< Ars Habilis – afferma Franco Gattari, funzionario di Confartigianato Macerata e collaboratore del Consorzio – nato da poco più di un anno, ha fatto da sempre una scelta di visibilità ai massimi livelli: sappiamo infatti che le nostre produzioni enogastronomiche nulla hanno da invidiare, sul piano del gusto e della qualità, alle delicatessen ed alle tipicità di altri territori ma sappiamo anche che, seppur bravi a produrre, i nostri artigiani non lo sono nella promozione e nella commercializzazione, anche per le piccole dimensioni delle loro aziende. Ringraziamo quindi chi, come Confartigianato e la Ex.It. di Macerata, hanno contribuito fattivamente alla nostra presenza a questa impegnativa kermesse : una vetrina importante non solo per le nostre aziende espositrici ma anche per la valorizzazione dell’intero territorio >>.

Ricordiamo che quello delle imprese artigiane del settore alimentare è un patrimonio di gusto e di creatività, ma è anche un importante serbatoio per l’occupazione: l’artigianato dell’alimentazione conta infatti oltre 80.000 aziende (pari all’82% del totale delle imprese italiane del settore) con circa 240.000 addetti (equivalenti al 54% del totale degli occupati del comparto); nella nostra provincia le aziende sono oltre 700.

Ma se il numero delle imprese artigiane dell’alimentazione, dal 2001 ad oggi, è cresciuto in media del 4% annuo, nel settore comincia a farsi sentire la concorrenza di prodotti provenienti dall’estero. Sul mercato "nazionale" sono soprattutto i prodotti che giungono dalla Cina e dagli altri Paesi della UE a creare i maggiori problemi, mentre per quanto riguarda la competizione sui mercati internazionali i nostri artigiani debbono vedersela soprattutto con la concorrenza delle altre nazioni europee e dei Paesi del Nord America.

Ma, quando il mercato prende a metro di giudizio "gusto e qualità", non temiamo confronti! Solo che, per farsi apprezzare (ed acquistare) occorre farsi conoscere.

 

Shares