Categorie: news,

11 luglio 2007 - La news ha avuto 34 visite
"FARE IMPRESA" SEMPRE PIU’ MULTIETNICA

"FARE IMPRESA" SEMPRE PIU’ MULTIETNICA

 <strong>ANALISI DI CONFARTIGIANATO : &quot;FARE IMPRESA&quot; SEMPRE PIU’ MULTIETNICA<br /><br />IN PROVINCIA SONO 2.805 GLI IMPRENDITORI EXTRACOMUNITARI (DATI 2006)<br /><br /></strong>In questi ultimi tempi, anche nella nostra provincia, si sta assistendo ad un aumento esponenziale dell’imprenditoria immigrata. Gli ultimi dati sulle nati-mortalit&agrave; delle imprese diffusi da UnionCamere (rilevazioni Movimprese) ci indicano chiaramente che il lavoro autonomo resiste anche grazie agli immigrati. Settori in crescita quali ristorazione, commercio al dettaglio, costruzioni presenterebbero anch’essi un saldo negativo senza il decisivo apporto della componente immigrata. E’ quindi importante avere uno spaccato di questa imprenditoria emergente. <br /><br />La Confartigianato di Macerata ha condotto un approfondimento sull’argomento servendosi, come fonte, dei dati &quot;Infocamere-Movimprese&quot; aggiornati al 31/12/2006. Ecco, in sintesi, gli aspetti pi&ugrave; rilevanti dello studio.<br /><br />&quot;Fare impresa&quot; &egrave; la strada scelta da 391.607 extracomunitari per integrarsi nel nostro Paese. Gli immigrati che decidono di mettersi in proprio sono sempre pi&ugrave; numerosi, tanto che l’8,1% delle nuove imprese avviate in Italia negli ultimi sette anni appartiene ad extracomunitari. A livello nazionale le comunit&agrave; pi&ugrave; numerose giungono dal Marocco (47.299 imprenditori, il 12,1% del totale &quot;immigrati&quot;), dalla Svizzera (42.729, pari al 10,9%), dalla Cina (38.098, pari al 9,7%), dalla Romania (25.384), dall’Albania (25.257) e dall’Egitto (18.144, pari al 4,6%). La presenza pi&ugrave; diffusa si registra nei settori delle costruzioni, del commercio al dettaglio e riparazioni, dei trasporti, della ristorazione, nel tessile e abbigliamento: tuttavia la maggiore incidenza di imprese guidate da extracomunitari si &egrave; avuta nel comparto poste e telecomunicazioni (prevalentemente phone center) dove il 41% degli imprenditori iscritti negli ultimi sette anni sono extracomunitari.<br /><br />A livello regionale, le Regioni con il pi&ugrave; alto numero di imprenditori extracomunitari sono la Lombardia, il Lazio, il Veneto, l’Emilia Romagna e la Toscana. Le Marche figurano al decimo posto con 11.272 imprenditori immigrati extracomunitari iscritti (il 3% del totale degli extracomunitari).<br /><br />Uno sguardo ora alla nostra provincia. Nell’ultimo anno il numero totale degli imprenditori in provincia di Macerata ha raggiunto quota 2.805 unit&agrave;: rispetto al 2000 (erano 1.061) essi sono praticamente triplicati. Una rappresentazione per sesso e per et&agrave; ci dice che l’imprenditore extracomunitario &quot;tipo&quot; &egrave; maschio e di et&agrave; compresa tra i 30 ed i 49 anni: infatti il 19% &egrave; tra i 18 ed i 29 anni, il 69% tra i 40 ed i 59 e l’10,5% tra i 50 ed i 69 (vi &egrave; un ulteriore 1,5% di ultrasettantenni). Le imprenditrici donne sono in crescita e raggiungono circa il 30% del totale.<br /><br />L’imprenditoria extracomunitaria &egrave; distribuita su quasi tutto il territorio provinciale: le presenze pi&ugrave; alte si registrano nei Comuni di Civitanova, P.Recanati, Macerata, Tolentino, Potenza Picena, Cingoli, Corridonia e Recanati.<br /><br />Per quanto riguarda la nazionalit&agrave; degli imprenditori immigrati circa 70 sono le Nazioni rappresentate! Alcune etnie sono presenti diffusamente e omogeneamente sul territorio, altre invece sono concentrate in determinati Comuni. Le quindici nazionalit&agrave; pi&ugrave; diffuse (rappresentano circa l’85% del totale) sono quelle marocchina (291, forte soprattutto a Cingoli), macedone (288, in forte crescita: in provincia rappresenta il 10,3%, a livello nazionale appena l’1%), argentina (249, con roccaforti a Civitanova, a Macerata ed a P.Recanati), cinese (246, Civitanova soprattutto), albanese (232, presente soprattutto a S.Severino, Macerata e Porto Recanati), senegalese (198, Porto Recanati, Potenza Picena e Macerata in particolare), rumena (180), pakistana (153, presente soprattutto a Civitanova ed a Corridonia), svizzera (131), serba-montenegrina (100), nigeriana (64, a Macerata soprattutto), bosniaca (59), del Bangladesh (57, per lo pi&ugrave; a Porto Recanati), tunisina (56) ed ucraina (47). <strong><br /></strong><br />

 

Shares